Convenzione, così cambierà la farmacia

Redazione DottNet | 18/07/2016 13:46

De Filippo, con l'approvazione diventerà il primo presidio del Ssn

Barra avanti tutta sulla digitalizzazione, consistenti integrazioni nei capitoli su servizi e distribuzione dei farmaci, riforma della remunerazione confermata. E' quanto porta in dote ai titolari, spiega il sito di Federfarma, il nuovo atto d'indirizzo per il rinnovo della convenzione tra Ssn e farmacie, la piattaforma contrattuale approvata dalle Regioni che formalmente dà il via alla trattative tra Sisac e sindacati di categoria.

"Nel capitolo relativo alla mission della farmacia - spiega Federfarma - è stato quasi completamente riscritto il paragrafo finale, dove ora si afferma che 'la rete delle farmacie può costituire uno strumento ulteriore per il governo della spesa nonché per le attività di affiancamento ai servizi territoriali del Ssn'".

La convenzione, spiega il sottosegretario al ministero della Salute Vito De Filippo, è ferma dal 1998. "Con questo rinnovo di convenzione - afferma in una nota - una volta concluso, la farmacia non sarà più solo un centro di erogazioni di farmaci, bensì diventerà il primo presidio sanitario di prossimità nel nuovo e potenziato sistema delle cure primarie territoriali funzionale alle nuove esigenze del cittadino, anche a causa dell'invecchiamento della popolazione per cui sono necessari interventi e servizi sempre più fruibili nel territorio, in special modo per la prevenzione e la cura delle patologie croniche".

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato