Concorso farmacie, la Liguria al secondo interpello. Puglia vola

Redazione DottNet | 22/07/2016 15:20

Hanno pesato le vicende giudiziarie. Prime aperture in Puglia

Stabilita la data per il secondo interpello del concorso straordinario per la Liguria. L'appuntamento è a settembre e, visto che la graduatoria scadrà a fine dicembre, la Regione provvederà anche ad allungarne la validità di qualche mese, per portare a termine le procedure. Un piano in atto da tempo e che vede impegnati gli uffici dell’Assessorato dopo avere avuto anche dal Consiglio di Stato piena rassicurazione sulla legittimità della graduatoria regionale. L'ier aveva avuto un drastico rallentamento a causa appunto della vicenda giudiziaria, nonostante la Liguria sia stata la prima ad approdare al primo interpello, un anno fa, ma poi lì si era fermata favorendo così Piemonte e Toscana che sono già alle assegnazioni del secondo.

Adesso occorre verificare  la graduatoria sempre più vicina alla scadenza: fa testo la versione rettificata entrata in vigore grazie al Bur del 31 dicembre 2014, e dato che il decreto “Cresci-Italia” limita a due anni la validità dell’atto sarebbe necessario che il secondo interpello (nel quale dovrebbe essere rimessa in palio una sessantina di sedi) si chiudesse entro la fine dell’anno. Impossibile, visti i tempi tecnici della procedura. E allora ecco l’ipotesi di prolungare la legittimità della graduatoria con un provvedimento regionale, anche se non mancano dubbi sulla percorribilità dell’ipotesi. Non a caso, nei mesi scorsi le Regioni avevano cercato di infilare in qualche ddl di passaggio un emendamento che mantenesse valide «fino a esaurimento» le graduatorie, ma il tentativo non era andato a buon fine. Si vedrà, intanto in Puglia proseguono di buona lena le aperture dei vincitori del concorso: dopo Brindisi, Bari e Lecce, nei giorni scorsi si sono registrate le prime inaugurazioni anche a Taranto e Bat.