Wsj, Pfizer verso il taglio di 2.400 posti in area vendite

Redazione DottNet | 20/01/2009 15:17

Nuova 'sforbiciata' all'orizzonte per l'americana Pfizer. Il primo gruppo farmaceutico
mondiale avrebbe in programma di ridurre di circa un terzo il proprio organico, con il taglio di 2.400 dipendenti nell'area vendite. L'indiscrezione - non confermata dall'azienda - è pubblicata sul quotidiano economico Usa 'Wall Street Journal', che cita una fonte anonima vicina al dossier.
 

E' inoltre dei giorni scorsi un'altra voce di mercato, secondo cui Pfizer avrebbe licenziato 800 ricercatori nei suoi laboratori a livello mondiale.
I nuovi tagli, si legge ancora sul 'Wsj', riguarderebbero informatori e manager di medio livello, e dovrebbero essere completati in questo primo trimestre 2009. La testata d'Oltreoceano ricorda come siano ormai sempre più numerosi i gruppi farmaceutici che - in difficoltà per la scadenza di brevetti chiave e la conseguente concorrenza dei prodotti generici - optano per ridimensionamenti d'organico più o meno netti. Soltanto negli Usa, sottolinea il quotidiano, nel settore vendite del comparto farmaceutico i posti di lavoro sono passati da un picco massimo di 105 mila nel primo trimestre 2006 ai 90 mila attuali. Dal gennaio 2007, Pfizer ha tagliato oltre 15 mila posti.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato