Fimp, ecco le nostre proposte per la convenzione dei pediatri

Redazione DottNet | 28/07/2016 14:26

No alle regole previste per il pubblico impiego

La Fimp, come abbiamo già anticipato, prosegue nelle trattative per il rinnovo della Convenzione della Pediatria di Famiglia, pur con qualche nota polemica: "Su alcuni passaggi importanti – spiega Giampietro Chiamenti, Presidente della Fimp - che rischiano di stravolgere il contesto nel quale attualmente si svolge e si regola il rapporto convenzionale del pediatra di famiglia, lo strappo è stato inevitabile".

Per la Fimp è inaccettabile che si vogliano applicare interamente al rapporto di lavoro del pediatra di famiglia le norme del D.lgs. 27 ottobre 2009 n.150 previste per il pubblico impiego, piuttosto che soltanto quanto specificamente previsto per il settore del convenzionamento.

"Come altrettanto inverosimile - avverte Chiamenti - è poter prevedere che nel nuovo ACN sia negato il tradizionale ruolo di condivisione dei comitati aziendali, riducendo il ruolo di rappresentanza della categoria, con il risultato di esasperare le norme che riconducono ad un quadro di subordinazione al distretto".

"Pur apprezzando gli aspetti positivi del confronto - conclude il Presidente Fimp - , si auspica che la pausa estiva sia utile a riflessioni che riconducano il rinnovo dell’ACN al necessario adeguamento che le norme legislative vigenti richiedono ma senza voler stravolgere l’impianto generale e le funzionalità che hanno permesso alle famiglie italiane di avere una adeguata assistenza sanitaria per i loro figli. La Fimp si batterà per questo, sperando che una maggiore disponibilità e una minore rigidità applicativa della parte pubblica, come si addice ad un tavolo al quale si lavora per il rinnovo contrattuale, possa ricucire strappi che oggi appaiono evidenti, per favorire la realizzazione di un accordo in grado di traghettare verso un rinnovato e impegnativo modello assistenziale".