Federfarma, sì al Fertility day

Redazione DottNet | 01/09/2016 11:57

federfarma racca

Racca: le farmacie italiane sono con la donna e la famiglia

«Le farmacie italiane sono dalla parte delle donne e della famiglia e per questo aderiscono con entusiasmo al Fertility Day, la Giornata della fertilità organizzata dal ministero della Salute per il 22 settembre». E’ la dichiarazione con cui la presidente nazionale di Federfarma, Annarosa Racca, interviene nella polemica esplosa ieri attorno all’iniziativa del ministro Lorenzin. A innescarla un intervento particolarmente critico pubblicato sul proprio blog dallo scrittore Roberto Saviano, che ha immediatamente diviso social e politica. Ne è scaturito un aspro dibattito nel quale si è poi buttato anche il mondo delle professioni e della Sanità, con commenti prevalentemente favorevoli al Ministro. «Siamo del tutto in linea con il dicastero della Salute» spiega in un comunicato il presidente della Sipps (Società italiana di pediatria preventiva e sociale) Giuseppe Di Mauro «il ministro Lorenzin è scesa in campo per la salvaguardia della natalità in Italia. Il nostro Paese non riesce più a coprire il punto “zero” della natalità, nemmeno grazie alla preziosa presenza degli immigrati. L’Italia è, di fatto, il Paese europeo in cui si fanno sempre meno bambini». Sulla stessa linea il presidente del Cun (Consiglio universitario nazionale), Andrea Lenzi, che in un tweet definisce il Fertility Day «un’occasione unica di prevenzione e sensibilizzazione sulla salute riproduttiva e generale di donne e uomini».

E’ favorevole alla Giornata della Fertilità anche la presidente Racca: «Un Paese senza bambini» è la dichiarazione rilasciata ieri all’Adnkronos «è senza futuro. Trovo la battaglia del ministro della Salute Beatrice Lorenzin giusta e importante. Siamo un Paese che invecchia, dove nascono sempre meno bambini e dunque è importante dare informazioni corrette ai cittadini. In Italia servono politiche per la fertilità». Anche dal Ministero sono arrivate precisazioni e correzioni alle critiche rimbalzate sui social: «Lo scopo della Giornata» recita un comunicato «è quello di informare correttamente la popolazione sui temi della fertilità, della salute riproduttiva, e sui fattori che possono metterla a rischio. La Giornata costituisce una delle azioni di prevenzione previste dal Piano nazionale per la fertilità, elaborato nel maggio 2015 dagli esperti del Tavolo consultivo» istituito dal Ministero (e al quale ha partecipato anche la presidente Racca). L’iniziativa vede il coinvolgimento di giovani, insegnanti, famiglie, medici e operatori sanitari, associazioni, società scientifiche, ordini e farmacie, scuole e comuni, e prevede l’allestimento di villaggi nelle piazze italiane, dove la popolazione potrà avere consigli e ricevere materiale informativo».

 

 

fonte: federfarma