Concorso farmacie, aperture in Emilia e Molise

Farmacia | Redazione DottNet | 06/09/2016 18:51

In Toscana si lavora per il terzo interpello

Prima apertura in Emilia Romagna per le farmacie istituite dal concorso straordinario del 2012 e assegnate a maggio in seguito all’interpello del gennaio scorso. La prima inaugurazione regionale è stata celebrata giovedì a Lido Adriano, tra Milano Marittima e Marina di Ravenna, nell’omonima provincia. La titolarità fa capo a un’associazione composta da tre farmacisti molisani (due dei quali ex collaboratori di consolidata esperienza), che hanno già provveduto ad associarsi a Federfarma Ravenna. Altre dovrebbero seguire nelle settimane a venire: a Modena hanno già preso contatto con il sindacato provinciale, per informazioni e ragguagli, diversi di nuovi titolari; date certe di apertura ancora non ci sono, ma in associazione si parla di otto farmacie in apertura per ottobre. Stessa stima a Bologna, dove prevedono una decina di inaugurazioni per il prossimo mese, mentre a Piacenza si prevedono aperture a breve ma non ci si sbilancia su quante e quando.

Più incerte le prospettive in altre province: a Rimini, per esempio, si stimano quattro o cinque aperture entro fine novembre, quando scadrà il termine dei sei mesi per l’apertura, ma si hanno già notizie di probabili rinunce tra gli assegnatari come già accaduto in tutte le Regioni che hanno toccato la fase del primo interpello.

Sabato è stata la volta della seconda delle nove farmacie molisane assegnate a gennaio al primo interpello (sulle sedici messe a concorso). Ubicata a Campobasso, fa capo a un’associazione composta da due farmacisti provenienti dalla Campania, che hanno già presentato richiesta di adesione a Federfarma. Su buona parte delle restanti sedi si è sempre in attesa di pronunciamenti del Tar molisano, cosa che spiega perché la Regione procede alle assegnazioni per singole farmacie.

Intanto, in Toscana, la Regione lavora con l’acceleratore a tavoletta per lanciare il terzo interpello. La settimana scorsa, è stata pubblicata sul Bollettino ufficiale una manciata di decreti per la revoca di assegnazioni relative a sedi poi "rinunciate". E da informazioni che arrivano da Federfarma Toscana, la partenza ufficiale dell’interpello sarebbe ormai questione di giorni. Anche perché, ricordano all’Urtofar, l’intera procedura dovrà concludersi entro dicembre, data di scadenza della graduatoria regionale del concorso straordinario. Stesso problema in Liguria e Piemonte.

 

Fonte: federfarma

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato