Il palmare entra in corsia: esperimento nel Veneto

Redazione DottNet | 01/08/2008 10:08

Menù ricco e personalizzato, prenotazione computerizzata e sistema di cottura ''cook and chill''. Hanno avuto un risveglio più piacevole lunedì mattina i pazienti ricoverati all'Ospedale di Castelfranco Veneto. E’ entrato a regime il nuovo sistema di ristorazione dell'Ulss 8.

Dopo le colazioni, da giovedì 8 maggio il nuovo sistema di ristorazione sarà attivo anche per i pranzi e le cene. I primi a partire saranno i reparti di Ostetricia, Pediatria, Ginecologia e del 'gruppo parto'. Tre le novità, la prenotazione personalizzata e computerizzata, la tipologia di cottura dei cibi e la distribuzione dei pasti. Sarà infatti abbandonato l'uso di servirli con il carrello in ciascun reparto. Questa pratica lascerà il posto ad un servizio di prenotazione attraverso i palmari in dotazione agli operatori i quali, passando dai pazienti il giorno prima, potranno memorizzare le prenotazioni. Ai pazienti viene offerta anche una maggiore scelta: chi non ha problemi di restrizioni alimentari per motivi di salute potrà scegliere tra un ricco menu, mentre il tradizionale sistema di cottura diventa ''cook and chill''. Grazie a questo sistema, vengono creati dei vassoi personalizzati, conservati alla temperatura di +4 gradi, portati poi in reparto su carrelli refrigerati e qui fatti 'rigenerare' prima dell'utilizzo. ''Oltre ad una maggiore efficacia organizzativa - spiega il direttore medico Lorena Sandonà, - questo nuovo sistema avrà effetti benefici per i pazienti, inserendosi nel processo di umanizzazione delle cure. Ogni paziente potrà scegliere in libertà cosa mangiare avendo garanzia di massima igiene''. Dalla metà di maggio, il nuovo sistema di ristorazione partirà anche all'ospedale di Montebelluna.