Vaccino antinfluenzale, il via alla profilassi

Infettivologia | Redazione DottNet | 03/11/2016 12:10

Coinvolti i medici di famiglia e i farmacisti. Le categorie interessate

Come ogni anno con l'arrivo di novembre scatta il periodo migliore per vaccinarsi per l'influenza, prima che il virus inizi a circolare. Quest'anno, ricordano gli esperti, si rischia una stagione particolarmente dura, ed è quindi ancora più importante che le categorie considerate a rischio, a partire dagli anziani, si vaccinino.


    "C'è un cartello che qualche medico di base espone in ambulatorio che recita 'i vaccini si fanno dopo i Morti', ed effettivamente è così - sottolinea Michele Conversano, presidente di HappyAgeing -, da novembre fino a metà dicembre è il periodo ideale per vaccinarsi. Quest'anno ci potrebbe essere una stagione più pesante, perchè i virus che circoleranno, contenuti nei vaccini, sono molto diversi da quelli degli anni passati, e quindi non c'è una protezione innata".


    Secondo i dati Influnet nel nostro Paese ogni anno si registrano da 5 a 8 milioni di casi di sindrome influenzale.  Circa 8.000 decessi possono essere direttamente correlati con l'influenza e di questi il 90% riguarda soggetti di età superiore ai 65 anni. "Oltre agli anziani deve vaccinarsi chi ha qualche patologia che indebolisce il sistema immunitario, come il diabete o le malattie cardiovascolari, le stesse categorie che dovrebbero proteggersi dalla polmonite - sottolinea Conversano, che è responsabile del Dipartimento di Prevenzione della Asl di Taranto -. Per gli anziani è dimostrato che i maggiori benefici ci sono con il vaccino antinfluenzale adiuvato, al quale è aggiunta una proteina che fa riconoscere meglio l'antigene dal sistema immunitario. Buoni risultati si hanno anche con l'intradermico, più recente e con meno studi a supporto".  

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News