Convenzione, mappate le deleghe in otto regioni

Farmacia | Redazione DottNet | 03/11/2016 12:15

La procedura è indispensabile per avviare i negoziati

Procede la rilevazione delle deleghe sindacali in vista dell’apertura del tavolo tra Sisac e farmacie del territorio per il rinnovo della Convenzione. Sono salite a otto, infatti, le Regioni che hanno completato e trasmesso la mappatura della rappresentatività sindacale sul proprio territorio. E se è vero che all’appello ne mancano ancora a tredici, è altrettanto vero che a voltarsi indietro l’accelerazione appare evidente: la Sisac aveva aperto ufficialmente la rilevazione il 14 luglio scorso e al 23 settembre le Regioni che avevano risposto risultavano soltanto tre, ossia Emilia Romagna, Valle d’Aosta e provincia autonoma di Bolzano.

Ora, trascorso poco più di un mese, se ne contano altre cinque: Friuli Venezia Giulia, Toscana, Molise, Veneto e provincia autonoma di Trento. Sembra dunque avere dato frutti l’invito che a settembre Federfarma aveva rivolto alle proprie rappresentanze territoriali perché collaborassero fattivamente con le Regioni in modo da accelerare la rilevazione. La procedura, infatti, rappresenta una delle fasi preliminari più delicate della procedura negoziale. L’obiettivo è quello di “contare” gli iscritti di ciascun sindacato per consentire alla Sisac di chiamare al tavolo di trattativa soltanto le organizzazioni che dispongono di una rappresentatività realmente nazionale. Allo scopo, nella rilevazione vengono conteggiate soltanto le “deleghe” rilasciate dalle farmacie a fronte del versamento di una quota contributiva; in altri termini, l’iscrizione a un sindacato cui non corrispondono trattenute da parte dell’amministrazione pubblica non ha valore ai fini della rappresentatività.

 

fonte: federfarma

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News