Conad a Federfarma, la gdo non prende il posto delle farmacie

Farmacia | Redazione DottNet | 06/11/2016 18:34

Per Conad le farmacie dovrebbero invece guardarsi dalle società di capitali

"La gdo non intende affatto sostituirsi alla farmacia 'sottomettendo un diritto costituzionale come la salute al profitto', come denuncia Federfarma, ma intende svolgere un ruolo importante nel creare convenienza per i cittadini, così come è già accaduto per la vendita dei farmaci senza ricetta medica e per quelli di automedicazione. E come auspica possa accadere per i farmaci di fascia C, che sarebbero anch'essi dispensati da farmacisti che hanno la medesima dignità professionale dei colleghi che operano nelle farmacie tradizionali".

L'amministratore delegato di Conad, Francesco Pugliese, risponde alle affermazioni del presidente di Federfarma Emilia-Romagna, Domenico Dal Re, in occasione del convegno regionale dei farmacisti a Bologna. "Per l'ennesima volta - dice Pugliese - Federfarma è in trincea per difendere gli interessi di pochi contro l'interesse di tanti. Considerato l'attuale scenario sociale e economico del Paese, è davvero singolare che gridi 'al lupo, al lupo' quando invece appena una farmacia su sei pratica gli sconti sul prezzo dei farmaci, che pure sono previsti nel decreto legge Cresci Italia pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 24 gennaio 2012".

Federfarma, secondo l'ad di Conad, "farebbe bene a preoccuparsi invece dell'ingresso delle grandi società di capitale nella gestione delle farmacie: è una soluzione che non giova né al settore né ai cittadini, non garantisce l'accesso ai farmaci alle persone bisognose, non crea convenienza sui prezzi, ma, anzi, favorisce la nascita di un monopolio in cui la professionalità del farmacista è asservita al profitto. La gdo ha in funzione alcune centinaia di parafarmacie che contribuiscono ad ampliare l'offerta di prodotti per la cura e la salute, sono un presidio importante con orari di apertura più ampi rispetto a quelli della farmacia e consentono ai cittadini di risparmiare. Federfarma vede in ciò 'il rischio, neppure tanto ipotetico, che la gdo entri nella sanità tramite la farmacia per poi attraversarla tutta, cancellando quella sanità universalistica che abbiamo conquistato e che tanti Paesi più evoluti ci invidiano'? Non è la gdo - conclude Pugliese - il competitor da cui si deve guardare".

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News