Convenzione medicina generale: pronta la nuova bozza Sisac

Medicina Generale | Redazione DottNet | 05/12/2016 17:19

Nuovi parametri per la libera professione e nuova organizzazione dell'assistenza notturna tra le novità del testo

Arriva una nuova bozza per la convenzione della medicina generale (clicca qui per scaricare il documento completo). Il testo è stato messo a punto dalla Sisac e ha ottenuto l'approvazione da parte delle Regioni. Di fatto la Sisac ha recepito le osservazioni dei sindacati introducendo una serie di novità, a cominciare dal ruolo unico e assistenza notturna.
 
Sparisce dal precedente testo il termine "parasubordinazione" a favore di una definizione più chiara della libera professione. Viene inoltre introdotto un Tavolo di consultazione nazionale con le organizzazioni sindacali firmatarie che si riunirà almeno una volta l'anno, per verificare sul campo sull'assetto organizzativo dei servizi territoriali, sulle principali attività degli stessi servizi e sulla dimensione economico-finanziaria della loro gestione. Un confronto dal quale potranno scaturire nuove proposte destinate alla Sisac che a sua volta le promuoverà in sede di rinnovo.
 
L'assistenza notturna non sparisce, ma piuttosto conferma l’apertura degli studi raccordati in AFT dalle 8.00 alle 20.00. Per quanto riguarda il lavoro notturno l'Azienda sanitaria ha tre opzioni:

a) attivazione della Centrale Unica per la ricezione delle richieste da parte dei cittadini per le cure non urgenti;
 
b) attivazione di ambulatorio di continuità assistenziale h24 gestito da medici di cure primarie ad attività oraria integrati, ove necessario, con personale infermieristico, e ubicato, a seconda delle esigenze territoriali, presso una sede propria o in prossimità di un DEA di I° o II° livello (purché con percorso ben distinto e separato da quello dedicato all'emergenza);
 
c) attivazione del servizio di continuità assistenziale realizzato con i medici di cure primarie ad attività oraria, organizzato per fasce orarie che consentano una maggiore copertura del territorio in orario diurno e una ridotta presenza nell'orario notturno avanzato (ore 24.00 - 8.00), anche in funzione della necessaria integrazione con la rete degli studi di medicina generale per la copertura h24, disciplinato con protocolli condivisi con il sistema di emergenza-urgenza 118.
 
Lievi aggiustamenti riguardano anche per quanto riguarda il Referente delle AFT per cui non sono più previsti requisiti specifici.

 

La bozza completa

 

Fonte: sisac, QS

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News