Ema, controlli su farmaci per trattare le allergie

Farmaci | Redazione DottNet | 12/12/2016 13:46

Segnalate reazioni al medicinale a causa delle proteine del latte

Essere allergici al farmaco usato per trattare l'allergia: sembra essere questo, apparentemente, il caso di cui dovrà occuparsi ora l'Agenzia europea per i medicinali (Ema), che ha avviato la revisione di alcuni medicinali che vengono somministrati tramite iniezione per trattare gravi reazioni allergiche che si manifestano rapidamente. I medicinali in questione contengono come principio attivo il corticosteroide metilprednisolone, e come componente addizionale il lattosio, in cui sono potenzialmente presenti tracce di proteine di latte vaccino.


    Sono proprio queste infatti che potrebbero influire sul trattamento dell'allergia in un limitato numero di pazienti allergici, altamente sensibili a tali proteine. La revisione è stata avviata dopo le segnalazioni di alcuni pazienti trattati per condizioni allergiche con questi medicinali, che erano allergici anche alle proteine del latte vaccino. Su di loro il farmaco sembra aver causato, apparentemente, una reazione allergica, che può essere stata scambiata per un peggioramento della condizione originale, portando alla somministrazione di ulteriori dosi di farmaco.

L'Ema valuterà i dati disponibili sul rischio di reazione allergica ai medicinali e se sono necessarie misure per minimizzare il rischio. La revisione è stata limitata a questi medicinali per il trattamento dell'allergia, a cui i pazienti possono essere più sensibili e dove la confusione tra la condizione e la reazione al farmaco può portare ad una terapia non corretta. L'allergia alle proteine del latte vaccino colpisce da 2 a 50 persone su 1000, e non va confusa con l'intolleranza al lattosio, che può interessare un numero maggiore di persone.

 

 

fon

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News