Fine alla joint venture tra MSD e Sanofi Pasteur

Aziende | Redazione DottNet | 09/01/2017 19:17

I vaccini entrano nel portafoglio prodotti di MSD Italia

I vaccini entrano nel portafoglio di prodotti di MSD Italia. E' questa una delle conseguenze della conclusione della joint venture tra Sanofi Pasteur e MSD nell'area dei vaccini in Europa, annunciata a marzo 2016 e diventata operativa dal primo gennaio 2017. Per effetto della chiusura dell'operazione industriale che era stata avviata 20 anni fa, d'ora in poi MSD Italia, al pari di altre 18 consociate europee della multinazionale Merck & Co., porterà avanti autonomamente la propria strategia nell'area dei vaccini.

"Siamo fermamente determinati - dichiara Nicoletta Luppi, presidente e amministratore delegato di MSD Italia (nella foto) - a fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per ottimizzare, nell'ottica di una partnership chiara e trasparente, la copertura vaccinale ed aiutare a proteggere milioni di vite in Italia". MSD ogni anno produce in tutto il mondo oltre 150 milioni di dosi di vaccini. Nei suoi laboratori di ricerca si sperimentano infatti soluzioni innovative alle maggiori criticità di sanità pubblica globale. Come V920, il vaccino sperimentale per Ebola che, proprio nel 2016, ha ricevuto dall'Agenzia Europea dei Medicinali lo status di Priority Medicine (PRIME). "Nel corso degli anni - prosegue Nicoletta Luppi - abbiamo contribuito a prevenire malattie oggi divenute rare, come il morbillo e la parotite, o altre per le quali era impensabile pensare ad un vaccino, come l'herpes zoster o il tumore della cervice uterina". 

 

 

fonte: ansa

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News