Incontro ministero-Mmg: priorità ricambio generazionale e P.S.

Medicina Generale | Redazione DottNet | 02/02/2017 17:34

Scotti: oltre al ristoro economico degli Mmg sul tavolo anche una nuova organizzazione e dotazioni di personale utili a dare una risposta coerente con le sfide che le cure primarie affronteranno

La priorità del ricambio generazionale dei medici ed un tavolo sull'emergenza Pronto soccorso. Sono i temi al centro dell'incontro svoltosi tra il sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, e la Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) L'incontro, definito dalla Fimmg "franco e produttivo" e voluto dal sottosegretario, ha riguardato la necessità di un nuovo contratto che preveda, afferma la Fimmg, "oltre al ristoro economico dei medici di medicina generale, anche una nuova dimensione dell'organizzazione e delle dotazioni di personale utili a dare una risposta assistenziale coerente con le sfide che le cure primarie dovranno affrontare per gestire al meglio invecchiamento della popolazione e cronicità".


    "Abbiamo sottolineato - dichiara Silvestro Scotti, segretario nazionale Fimmg - che non appare più rimandabile la ricerca di soluzioni sull'investimento nella formazione dei futuri medici di medicina generale in numeri, risorse e qualità del percorso formativo". La carenza di medici di medicina generale dovuta ai pensionamenti dei prossimi anni, "senza interventi immediati, vista anche la prossima pubblicazione da parte delle Regioni dei bandi per il 2017, non sarà più recuperabile - sottolinea Scotti - con il rischio di mettere in discussione nei prossimi anni l'offerta di un'assistenza per i cittadini italiani fondata sul rapporto di fiducia con il proprio medico di famiglia". Si è infine affrontata la problematica della gestione degli accessi ai pronto soccorso: "Abbiamo dato la nostra disponibilità - spiega Scotti - a un tavolo di confronto sul ruolo che la medicina generale può avere. Tavolo che non dovrà confondere, però, la necessità di rafforzare la presa in carico della medicina generale nel pre e post ospedale dei pazienti cronici potenzialmente scompensabili, con progetti di generiche presenze orarie quale filtro non realmente competitivo con l'offerta diagnostica ottenibile nei pronto soccorso". Faraone, conclude il sindacato, "si è dimostrato molto sensibile alle argomentazioni e si è impegnato a sviluppare un confronto continuo e costruttivo".

 

fonte: fimmg

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News