Parma: nuovi interventi per adeguare mobilità per disabili e "utenti deboli"

Redazione DottNet | 28/01/2009 10:44

Supera i 500mila euro la spesa che il Comune di Parma ha deciso di mettere in campo per nuovi interventi di adeguamento del sistema di trasporto pubblico alle esigenze dei disabili e dei cosiddetti 'utenti deboli'.

In particolare, è previsto l'adeguamento delle fermate e degli impianti semaforici per facilitare i portatori di handicap, i non vedenti e gli ipovedenti. In programma anche l'istituzione di nuovi stalli di sosta dedicati a persone invalide nel centro storico e l'attivazione di un nuovo sistema di rilevazione degli abusi nei parcheggi per disabili. In parellelo prosegue anche il progetto 'Carta d'argento' finalizzato all'incentivazione tariffaria al trasporto pubblico per gli anziani con più di 70 anni. "Abbiamo aggiunto - spiega l'assessore all'Agenzia disabili Giovanni Paolo Bernini - un altro tassello importante per realizzare una città amica delle persone con disabilità". 'Accessibilità' e 'mobilità', non a caso "sono anche le due parole chiave del Libro bianco - ricorda Bernini - che il Comune di Parma, come comune capofila, insieme al ministero del Welfare sta redigendo, al fine di stilare delle linee guida su accessibilità e mobilità urbana per tutti i comuni italiani". "Questi interventi - ha aggiunto l'assessore alla Mobilità Pietro Somenzi - vanno a integrare l'offerta di mobilità per tutti i cittadini, che è elemento qualificante e che distingue una città in grado di dare risposte indipendentemente dall'età, dalle capacità motorie e dai ceti sociali.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato