Responsabilità medica: il ddl torna in Aula alla Camera

Professione | Redazione DottNet | 13/02/2017 16:09

Atteso in settimana terzo e ultimo via libera al testo

E' iniziato lunedì nell'aula della Camera l'esame finale del ddl sul rischio clinico e la responsabilità professionale di medici e operatori sanitari. Già approvato dal Senato in seconda lettura, dovrebbe superare in settimana senza modifiche l'ultima lettura. Ad illustrarlo oggi pomeriggio sarà il relatore Federico Gelli (Pd), componente della Commissione Affari sociali della Camera e autore del testo che unifica otto proposte di legge presentate in materia.    Atteso da anni dai professionisti, il ddl prevede l'obbligo di copertura assicurativa per tutte le strutture sanitarie pubbliche e private, nonché e medici e operatori sanitari, oltre a introdurre un sistema di controllo del rischio clinico volto a ridurre i casi di malpractice.

Prevede inoltre la depenalizzazione dell'atto medico, di fatto allineando l'Italia alla maggior parte degli altri Paesi. Obiettivo, rafforzare una relazione di reciproca fiducia tra cittadini e personale sanitario ma anche cercare di diminuire il contenzioso e dunque la medicina difensiva che spesso ne deriva, ovvero l'eccesso di esami e prescrizioni mediche dettate non sempre da reale necessità quanto dalla paura di una denuncia da parte del paziente. Il testo aveva avuto lo scorso 11 gennaio il via libera di Palazzo Madama in seconda lettura, dopo diverse modifiche apportate alla luce di molte audizioni svolte in Commissione Igiene e Sanità. Lo stesso presidente del Partito Democratico Matteo Orfini ha confermato più volte l'impegno ad una rapida approvazione.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News