Ddl responsabilità: l'esame rinviato al 23 febbraio

Professione | Redazione DottNet | 17/02/2017 12:07

Si darà la precedenza al decreto Milleproroghe

Si è interrotto  all'articolo 5 l'esame degli emendamenti al disegno di legge sulla responsabilità professionale ed il rischio clinico. Alla ripresa dei lavori programmata il prossimo martedì, l'Assemblea di Montecitorio darà la priorità al decreto Milleproroghe, licenziato oggi dal Senato, che dovrà essere convertito in legge entro il 28 febbraio. 
 
L'esame degli emendamenti al 'ddl Gelli' dovrebbe proseguire da giovedì 23 febbraio, a cominciare dall'articolo 6 sulla nuova responsabilità penale per gli esercenti la professione sanitaria. E potrebbe concludersi con le dichiarazioni di voto finali e la sua definitiva approvazione già nell'arco della stessa seduta

 "Il ddl sulle disposizioni in materia di sicurezza delle cure e di responsabilità professionale per i medici contiene errori macroscopici che provocheranno danni incalcolabili". Lo dichiara il deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto. "Al primo passaggio del testo alla Camera, avevamo espresso le nostre riserve, chiedendo precisi interventi per raggiungere un equilibrio ottimale fra il diritto di curare liberamente e il diritto di essere curati dignitosamente e al meglio. Questo non è avvenuto. Così ci ritroviamo con un provvedimento che sul piano penale è un clamoroso passo indietro rispetto alla Balduzzi, ripristinando di fatto la necessità della medicina difensiva, mentre, sul piano civile, si conia un'astruseria giuridica che complica la vita a medici e pazienti, a vantaggio delle compagnie di assicurazione, con l'aggravante di intasare i tribunali", conclude il deputato.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News