Anac, i dirigenti medici non devono comunicare i dati patrimoniali

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 17/02/2017 20:01

Troise: “invieremo la delibera dell’Anac a tutte le aziende sanitarie affinché non abbiano a ripetersi per il futuro episodi del genere”.

I dirigenti sanitari non devono comunicare i dati patrimoniali. Così si è pronunciata l’Autorità Nazionale Anticorruzione (clicca qui per leggere il testo dell'Anac), pur auspicando per il futuro l’estensione dell’obbligo ai soli direttori di struttura e al vertice aziendale, da realizzare con una norma di legge, mettendo fine per medici e dirigenti sanitari all'ennesimo adempimento inutile.

 

Da mesi, infatti, molte Aziende sanitarie, come ha denunciato l'Anaao, stanno inseguendo dirigenti medici e sanitari ancorché privi di responsabilità gestionali richiedendo i loro dati patrimoniali, e quelli dei loro familiari. In alcuni casi addirittura si è manifestata l’intenzione di pubblicare questi dati, tanto che l’Anaao Assomed è dovuta intervenire con una diffida.

 

L’ANAC ha precisato che l’obbligo non sussiste per la dirigenza sanitaria, nemmeno per i Direttori Generali in quanto la norma non riguarda la dirigenza sanitaria ma la dirigenza amministrativa, e che, comunque, la dirigenza sanitaria in questione sarebbe stata quella con precisi incarichi gestionali.

 

"Va, quindi, segnalato che, mentre per i dirigenti amministrativi la disciplina di trasparenza è ora prevista dall’art.14 del decreto trasparenza sussistendo per questi l’obbligo di pubblicare anche le dichiarazioni concernenti la situazione patrimoniale nei termini previsti dalla legge 441/1982, per la dirigenza sanitaria (e cioè per gli incarichi di direttore generale, direttore sanitario e direttore amministrativo, nonché per gli incarichi di responsabile di dipartimento e di strutture semplici e complesse), l’art. 15 ha in fatto introdotto (per le due categorie di dirigenti in questione) un differente regime di trasparenza. La norma infatti non prevede per i dirigenti sanitari l’obbligo di fornire i dati riguardanti la situazione patrimoniale". L’ANAC conclude auspicando che Governo e Parlamento per il futuro l’estendano l’obbligo ai soli direttori di struttura e al vertice aziendale, da realizzare con una norma di legge.

 

Del tutto assurda, spiega il segretario Costantino Troise, è stata, quindi l’ingiunzione in tal senso, inoltrata da parte di solerti pierini con l’ambizione del primo della classe, a tutti i dirigenti medici e sanitari, ancorché privi di incarichi gestionali. Avviando, così, una marea di richieste improprie che costituiscono, ed hanno costituito, di fatto, spreco di risorse per adempimenti non dovuti.

 

L'Anaao Assomed si farà premura di inviare la delibera dell’ANAC (peraltro assunta lo scorso 14 dicembre 2016 ma depositata presso la Segreteria del Consiglio in data 2 febbraio 2017 e a noi nota in data odierna) a tutte le aziende sanitarie affinché non abbiano a ripetersi per il futuro episodi del genere.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News