Responsabilità medica, altro rinvio: 28 febbraio

Sindacato | Redazione DottNet | 22/02/2017 22:18

Protestano i medici dell'Anaao

I medici dell'Anaao Assomed protestano per lo slittamento al 28 febbraio del testo sulla responsabilita' medica, deciso ieri dalla Conferenza dei Capigruppo della Camera. ''Non sono bastati i 10 anni in cui diversi disegni di legge sulla responsabilità professionale dei medici e degli esercenti la professione sanitaria sono stati custoditi gelosamente nei cassetti parlamentari, non sono bastati i 3 anni in cui un testo unificato ha fatto la navetta tra Senato e Camera, non è bastato l'impegno solenne del Governo Renzi di assumere l'approvazione della legge tra gli obiettivi prioritari del 2016, trascorso invano, non è bastata l'approvazione a larghissima maggioranza bipartisan del provvedimento al Senato, non sono bastate le migliaia di firme in calce ad una petizione a sostegno di una rapida conclusione'' scrive il sindacato che auspica si tratti dell'ultimo slittamento all'esame della legge.

''La verità - affermano i medici ospedalieri che aderiscono alla sigla - è che la sicurezza delle cure non interessa nessuno, se non per animare dotti dibattiti sui costi della medicina difensiva e fare luccicare gli occhi ai cultori della spending review sui miliardi di risparmi possibili se solo si mettessero in riga i medici, riottosi e cattivi, obbligandoli all'appropriatezza di Stato. La colpa dei medici è di non essere tassisti o ambulanti. E quella dei cittadini di credere in una Costituzione che qualcuno voleva cambiare ma che nessuno mostra di volere seriamente attuare. Nonostante tutto, vogliamo credere che il 28 febbraio si scriva la parola fine ad una storia infinita''.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News