No ai medici-delatori

Redazione DottNet | 28/01/2009 18:36

Poche volte si sono sentiti così uniti e in sintonia i medici di tutte le associazioni, orientamenti e schieramenti.

 E' un ''no'' forte e deciso quello che rivolgono all'emendamento che vuole eliminare il divieto di segnalazione alle autorità degli immigrati che si rivolgono alle strutture sanitarie. Perchè, come recita lo slogan della campagna lanciata da Medici senza frontiere (Msf) con altre associazioni, ''siamo medici e infermieri, non siamo spie''. Medici, infermieri, ostetriche, giuristi e associazioni hanno deciso di muoversi e lanciare un appello ai senatori che dovranno votare l'emendamento, che era stato prima presentato in commissione Affari costituzionali e Giustizia al Senato, poi ritirato al momento del voto e in seguito stralciato in due per l'esame dell'aula di Palazzo Madama. ''Questo emendamento, se passerà - ha detto Kostas Moschochoritis, presidente di Msf Italia - rischia di creare un clima di paura e diffidenza, riducendo l'accesso alle strutture sanitarie''. Tanti i motivi per dire no al provvedimento, come hanno spiegato i vari esponenti di questo 'fronte del no'. Può tramutarsi in un ''boomerang per la tutela della salute collettiva'', dice Amedeo Bianco, presidente della Federazione degli ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), che ricorda come ''in una società moderna, civile e in pace, l'accesso alle cure deve costituire ovunque e sempre un'area protetta di solidarietà e umanità''. Gli immigrati arriveranno in ospedale quando sarà troppo tardi, avverte Salvatore Geraci della Società italiana di medicina di migrazione, ''e la patologia ormai grave, con costi e assistenza senz'altro maggiori per il Ssn e pericoli di diffusione di infezioni anche per la sanità pubblica''. Intanto, lo spauracchio di questo provvedimento ha già colpito, visto che da novembre fino a oggi c'è stato un calo del 30% circa di tutti i migranti che si recano nelle strutture ospedaliere e nei vari ambulatori, come segnala l'Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi).

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato