Il medico deve risarcire se il paziente non conosce i rischi

Professione | Redazione DottNet | 24/02/2017 18:41

Il medico deve fornire informazioni chiare su intervento e terapia. In caso contrario il paziente ha diritto al risarcimento del danno anche se la prestazione sanitaria ha risolto la sua patologia

Prima di una terapia o di un intervento chirurgico il medico deve fornire al paziente informazioni chiare e adeguate alle sue conoscenze. Altrimenti, il paziente ha diritto al risarcimento del danno anche se la prestazione sanitaria ha risolto la sua patologia. Lo afferma il Tribunale di Caltanissetta (giudice Gregorio Balsamo) in una sentenza diffusa dal Sole 24 Ore.

I fatti riguardano una donna che lamentava danni in conseguenza di un'operazione chirurgica causati, a suo dire, dalla condotta negligente dei sanitari a cui addebitava anche di non averle chiesto il consenso informato all'intervento e all'anestesia. L'azienda ospedaliera si dichiarava esente da responsabilità medica e affermava, comunque, di aver fornito alla paziente una corretta e completa informazione sui rischi dell'operazione.

La sentenza accoglie in parte l'istanza risarcitoria, esclude che il danno sia dovuto a negligenza dei medici ma rileva che nel modulo firmato dalla donna non erano specificate le «possibili conseguenze» dell'intervento, tra cui il danno permanente lamentato. La signora, conclude il giudice nisseno, ha subìto la violazione del diritto di decidere se sottoporsi o meno all'operazione e perciò va risarcita.

 

Fonte: sole24ore

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News