Settemila embrioni orfani: per i ginecologi potrebbero essere adottati

Redazione DottNet | 31/01/2009 16:27

A cinque anni dalla legge 40 sulla procreazione assistita e 30 mila embrioni crioconservati, anche il mondo della ginecologia cattolica si interroga sul destino di quei circa 7 mila embrioni orfani.

 La proposta che arriva, in occasione della 31/ma Giornata della vita al Policlinico Gemelli, è quella di consentirne ''l'adozione per la nascita'', in modo da non farli morire senza essere mai nati. A spiegarlo è Antonio Lanzone, docente di Fisiopatologia della riproduzione dell'Università Cattolica, nell'incontro con i docenti delle cinque facoltà di ginecologia di Roma. Il problema riguarda i 3.740 embrioni per cui vi è stata una espressa rinuncia ad un futuro impianto da parte dei genitori, e un numero indefinito, ''stimabili in altri 3.300 circa'', secondo Lanzone, di cui non si riescono a rintracciare i genitori. Tra le opzioni possibili, Lanzone ha parlato della 'distruzione, della ricerca e dell'adozione''. Se la distruzione per un eventuale deterioramento dell'embrione è da rifiutare, ''perche' non provato e non dimostrato - ha spiegato - anche l'ipotesi ricerca è da rifiutare, perchè si è visto che le staminali ricavabili da cellule adulte o cordonali hanno dato più frutti di quelle embrionali su questo fronte''. Rimane dunque l'ipotesi dell'adozione per la nascita ''da una coppia che li desidera - ha proseguito Lanzone - Cosa che secondo me non sarebbe configurabile come una fecondazione eterologa o un utero surrogato, proprio per le alte motivazioni etiche alla base del gesto''. Se ciò fosse autorizzato, considerando che allo scongelamento sopravvive il 50-80% degli embrioni, e che su 100 scongelati 4-5 arrivano alla nascita, ''avremmo 400 nuovi nati - ha concluso - che non è poco. Il mondo va avanti e sarebbe opportuno prendere una decisione su tale problema''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato