Lorenzin insiste, via i ticket: convocate le Regioni

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 15/03/2017 23:54

Ticket, nel 2015 spesi 1,4 mld euro dagli italiani. I Pazienti della val d'Aosta spendono cinque volte più dei siciliani

Era una delle questioni più spinose contenute dal Patto per la Salute siglato nel 2014, e non a caso è ancora sul tavolo, ben lontana da una soluzione. La revisione del sistema dei ticket sanitari torna d'attualità, con il ministro Lorenzin che ha annunciato per la prossima settimana una convocazione per le Regioni proprio a questo scopo.    Il ministro ha ribadito, durante la trasmissione di La7 Coffee Break, quello che aveva già affermato in un'intervista due giorni fa, cioè che i ticket incidono per 3 miliardi di euro sui 113 del Fondo Sanitario Nazionale, e che potrebbero quindi essere aboliti, agendo ad esempio sulla spending review.     Se in generale la cifra che si ricava è bassa, sottolinea però il ministro, per alcuni territori potrebbe essere difficile sopperire a un taglio netto. Tra le ipotesi sul tavolo c'è una trasformazione del ticket in una forma più proporzionale al reddito, e il superamento delle forti differenze regionali nelle cifre pagate dai cittadini. Se in Val D'Aosta in media si spendono 50 euro l'anno, afferma un rapporto dell'Agenas, in Sicilia la cifra si riduce a un quinto.   

D'accordo con l'ipotesi si sono detti i sindacati, che in un comunicato congiunto hanno affermato che "per prima cosa va abolito il super ticket sulle ricette, quindi va organizzata una vera e propria exit strategy per rimuovere uno dei principali ostacoli nell'accesso al Ssn pubblico e universale".     Anche il Tribunale per i diritti del Malato ha attaccato in maniera particolare il cosiddetto superticket. "Da anni - ricorda Tonino Aceti, segretario dell'associazione - chiediamo di abrogare il superticket di 10 euro sulla ricetta che, da provvedimento provvisorio del 2011, è diventato strumento definitivo per fare cassa, allontanare i cittadini dal Servizio Sanitario Nazionale e rendere più difficile l'accesso alle prestazioni sanitarie".     Oltre al problema dei ticket, secondo Lorenzin un cambio di passo è necessario anche per ovviare a quello delle liste d'attesa. "Stiamo fronteggiando il problema delle liste di attesa a macchia di leopardo e con grandissima lentezza. Credo - ha affermato sempre a 'Coffee Break' - che il modello migliore sia quello emiliano, dove sono state messe in campo una serie di misure in questi tre anni, che hanno di fatto eliminato le liste di attesa. Adesso stanno lavorando non solo sulla parte dei laboratori, ma anche su quella degli interventi chirurgici. Sono molto avanti".

Circa 1,4 miliardi di euro sborsati dagli italiani nel 2015 per il ticket, a cui si aggiungono 1,1 miliardi per l'intramoenia. Questa la spesa per le prestazioni sanitarie registrata dal rapporto Agenas, con degli squilibri regionali molto ampi, che hanno portato il ministro Lorenzin a ribadire la necessità di rivedere il sistema.     La cifra complessiva dei ticket, rileva l'agenzia, è diminuita del 9,4% nell'intero periodo 2012-2015. "A livello regionale - si legge - si riscontrano solo 4 casi in controtendenza rispetto all'andamento nazionale nel 2015 rispetto al 2012. Nel dettaglio si riscontra un aumento della relativa entrata nella Valle d'Aosta (8,0%), nelle Province Autonome di Bolzano (9,9%) e di Trento (19,2%) e nella Regione Emilia Romagna (4,8%)".     Per quanto riguarda le differenze regionali, la Valle d'Aosta, i cui cittadini hanno speso in media circa 50 euro a testa nel 2015, è quella con i valori più alti, seguita da Friuli Venezia Giulia (37 euro pro capite), Toscana (36,7) ed Emilia Romagna (36). Dall'altro lato della classifica ci sono le regioni del Sud, con la Sicilia a 9 euro pro capite, la Campania a 10 e la Puglia a 12, mentre la media nazionale è circa 23.  

Anche per l'intramoenia, scrive l'Agenas, c'è un calo nella spesa negli ultimi anni del 9%. "A livello regionale si riscontrano solo 5 casi in controtendenza rispetto all'andamento nazionale nel 2015 rispetto al 2012. Si tratta della Provincia autonoma di Bolzano (+57,3%), quella di Trento (+12,4%), della Regione Molise (+9,7%), Marche (+3,7%) e Umbria (+0,8%)".     In aumento invece i ticket pagati sul pronto soccorso. "La voce è in aumento, a livello nazionale, in ogni annualità considerata. Questo ha portato ad un aumento percentuale del 25,8% nell'intero periodo 2012-2015. A livello regionale si riscontrano 7 casi in controtendenza rispetto all'andamento nazionale nel 2015 rispetto al 2012. Si registrano, infatti, cali nella Regione Calabria (-55,4%), Campania (-49,1%), Sicilia (-20,5 %), Friuli (-16,3 %), Umbria (-8,9 %), Liguria (-5,1 %), e Lombardia (-2,4 %)".

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News