Operata prima di nascere

Redazione DottNet | 31/01/2009 17:08

Miriam, una neonata calabrese con una grave malformazione che l'avrebbe uccisa appena fuori del grembo materno impedendole di respirare, è stata salvata grazie a una tecnica di intubazione applicata in concomitanza con il parto cesareo all'Istituto pediatrico Gianna Gaslini di Genova.

L'operazione, giudicata rara e complessa, è la quinta in Italia e la prima in Liguria. Come illustrato dal direttore del dipartimento materno infantile Pierluigi Venturini, dal primario di anestesia Pietro Tuo e dalla responsabile del laboratorio di diagnosi prenatale Pierangela De Biasio, giovedì scorso la bambina sotto anestesia è stata estratta solo parzialmente dall'utero e intubata mentre era ancora ossigenata dalla placenta materna, grazie a un intervento chiamato Exit avvenuto in soli sette minuti. Disostruiti bocca e naso, è stato reciso il cordone ombelicale e ultimato il parto cesareo. ''La tecnica Exit (Ex Utero Intrapartum Treatment) permette di liberare le vie respiratorie del neonato al momento del parto - ha spiegato Tuo - è un procedimento molto delicato perchè se il bimbo fa un movimento minimo si rischia il distacco della placenta''. Exit, utilizzata per la prima volta nel '92 e applicata una cinquantina di volte nel mondo, viene giudicata l'unica via di salvezza per i feti affetti da neoplasie o malformazioni congenite che alla nascita impediscono la respirazione, provocando il decesso (gli indici di mortalità oscillano tra il 20 e il 100 per cento) o gravi conseguenze post-asfittiche. Miriam, figlia di una coppia di Cosenza, aveva una massa di 5 centimetri circa di diametro tra naso e bocca come emerso da un'ecografia tridimensionale già nel novembre scorso. ''Avevamo contattato diversi istituti ma nessuno se la sentiva d'intervenire - ha raccontato il padre della bimba, partecipando ancora commosso alla conferenza stampa dei medici - finalmente il 13 gennaio al Gaslini abbiamo trovato degli angeli custodi che ci hanno trasmesso tanta serenità. La bimba ora sta bene ed è già uscita dalla rianimazione''. L'intervento è stato realizzato da un'equipe multidisciplinare di 13 persone, coordinata da Venturini e Tuo e costituita da un anestesista e un rianimatore, due ginecologi, un otorinolaringoiatra, un chirurgo, un neonatologo, due ostetrici, coadiuvati da tre infermieri di sala e tre ferriste. Il giorno dopo i chirurghi hanno rimosso la neoformazione e Miriam presto potrà essere abbracciata dalla sua mamma.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato