Nuovamente disponibile per tutti i pazienti il farmaco biotecnologico anti-asma

Pneumologia | Redazione DottNet | 03/02/2009 16:09

Nuovamente disponibile per tutti i pazienti omalizumab il farmaco biotecnologico per il trattamento dell’asma allergico non controllato e che ha ricevuto il Premio Galeno, il Nobel italiano dei farmaci, come farmaco biotecnologico innovativo dell’anno; ed è nuovamente rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale dopo la sospensione temporanea avutasi a luglio 2008.

La commissione tecnico-scientifica dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), ha riammesso omalizumab (Novartis) alla rimborsabilità per i nuovi pazienti dopo averne valutato positivamente l’efficacia e il profilo di sicurezza, sulla base di tutte le più recenti evidenze disponibili.
“Con questa decisione – ha affermato G. Walter Canonica, Direttore della Clinica Pneumologica dell’Università di Genova – si rende nuovamente disponibile una terapia che rappresenta la più straordinaria novità terapeutica degli ultimi 10 anni contro l’asma allergico grave non controllato: omalizumab, primo farmaco biotecnologico disponibile per l’asma, ci ha dato la possibilità di trattare pazienti non controllati dalle comuni terapie, assicurando loro una qualità di vita che in precedenza non avevano”.
L’asma allergico è la forma più diffusa di asma. Malattia infiammatoria delle vie respiratorie a carattere cronico, ha conseguenze drammatiche sulla vita dei pazienti ed è correlata ad elevati costi sociali, soprattutto nella forma grave e non controllata: le persone che ne soffrono hanno maggiori probabilità di essere colpiti da altre patologie e conducono una vita dalla qualità sostanzialmente compromessa, vivendo nella paura incessante che il prossimo attacco potrebbe rivelarsi fatale.
Questi pazienti sono più esposti al rischio di riacutizzazioni asmatiche severe e necessitano spesso di ripetuti cicli di terapia a base di cortisone, nonché di ricoveri ospedalieri.
Numerosi studi clinici, inclusi quelli registrativi, hanno dimostrato che omalizumab è efficace in questi pazienti nel ridurre le riacutizzazioni d’asma e a migliorare la loro qualità di vita.
Il meccanismo d’azione di omalizumab è caratterizzato da un approccio innovativo, poiché permette di bloccare all’origine la reazione allergica infiammatoria essendo il primo anticorpo monoclonale anti-IgE che, inibendo l’azione dell’immunoglobulina E (IgE) e impedendone il legame con il suo recettore, interrompe sul nascere la catena degli eventi che portano a un attacco d'asma. Il farmaco è destinato a pazienti adulti ed adolescenti (≥12 anni) con asma allergico grave persistente, con una condizione di insufficiente controllo della malattia nonostante la migliore terapia disponibile (assunzione quotidiana di alte dosi di corticosteroidi e di beta2-agonisti a lunga durata d’azione per via inalatoria).

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato