Piemonte, stop alla diagnostica nelle parafarmacie

Farmacia | Redazione DottNet | 09/04/2017 17:16

Lo ha stabilito la Corte Costituzionale perché in contrasto con il principio di tutela della salute

In Piemonte le parafarmacie non potranno più usare apparecchi di autodiagnostica rapida per fare gli esami dei trigliceridi, della glicemia e del colesterolo. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale, che con una sentenza depositata in questi giorni ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della legge regionale del maggio dello scorso anno che aveva dato il via alla liberalizzazione.     Il provvedimento, presentato dal Pd senza interventi da parte dell'assessore alla Sanità della Giunta Chiamparino, Antonio Saitta (nella foto), aveva modificato la legge regionale precedente che impediva l'utilizzo di apparecchi autodiagnostici al di fuori delle farmacie. E questo aveva provocato subito la levata di scudi della farmacie piemontesi.     La Corte Costituzionale ha bocciato la legge regionale del Piemonte perché "in contrasto con il principio fondamentale della tutela della salute", che risulterebbe garantito dalle farmacie ma non dalle parafarmacie. "Il legislatore regionale - afferma la sentenza - con la normativa impugnata avrebbe illegittimamente abbassato gli standard di tutela della salute dei cittadini". 

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News