Bollini irregolari, maxi sequestro in Campania

Farmaci | Redazione DottNet | 19/04/2017 14:09

Federfarma scrive al ministero della salute, Aifa e Poligrafico

Ammontano a qualche migliaio i farmaci sequestrati in Campania per bollino difettoso o irregolare sulle confezioni. E’ l’aggiornamento che rimbalza dal sud Italia dopo la visita dei Nas a un grossista campano, al quale i militari sono risaliti ricostruendo il percorso dei 232 medicinali sequestrati ai primi di aprile in una farmacia del salernitano. L’intervento nell’esercizio farmaceutico nasceva dalla denuncia presentata mesi addietro da un cliente, che aveva notato alcune incongruenze nei bollini dei prodotti acquistati: il numero identificativo del lotto di produzione era parzialmente cancellato e mancavano i tre strati adesivi previsti dal dm 30 maggio 2014.

Verificate le incongruenze, i Nas avevano sequestrato la merce senza però formalizzare alcun addebito al titolare della farmacia. Al quale, a ulteriore conferma della sua estraneità, sarebbe stata affidata la custodia giudiziale della merce (costituita in gran parte da farmaci di automedicazione e qualche etico). Un paio di settimane ed ecco l’ispezione del Nas all’azienda distributrice, dove invece è stato sequestrato qualche migliaio di confezioni (ancora Otc in prevalenza). Le informazioni sono scarne e da confermare, ma a quanto pare le scatole messe sotto chiave dai carabinieri mostrerebbero gli stessi difetti ai bollini e anche in questo caso sarebbero state affidate alla custodia del distributore (al quale non risulta siano stati mossi addebiti).

E’ probabile che l’indagine si allargherà ancora e l’eventualità è valutata dalla filiera con una certa preoccupazione. Perché se i sequestri dovessero susseguirsi potrebbero esserci ricadute sulla disponibilità di alcuni prodotti nel circuito logistico, per non parlare di eventuali ritiri in quantità tali da mettere sotto tensione la filiera farmaceutica. E’ per questo, così, che ieri Federfarma ha inviato al ministero della Salute (più Aifa e Poligrafico) una lettera nella quale si riassume la vicenda e si chiede «quali azioni siano state eventualmente adottate al fine di consentire alla Federazione di diramare adeguate istruzioni alle farmacie». Federfarma fornirà tempestivamente agli associati tutti gli aggiornamenti che arriveranno.

 

fonte: federfarma

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News