Consiglio di Stato: nuove aperture e espansione territoriale

Farmacia | Redazione DottNet | 19/04/2017 19:07

L'apertura di una nuova farmacia non può basarsi su previsioni di sviluppo dell'area individuata

Comuni e sedi farmaceutiche: la pronuncia sull'individuazione di una nuova sede arriva dal Consiglio di Stato con la sentenza 01678/2017 (clicca qui per scaricare la sentenza completa).


Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento ha accolto il ricorso proposto da un titolare di farmacia, e ha così annullato la deliberazione comunale di individuazione delle nuove sedi farmaceutiche, nella parte in cui prevedeva l’istituzione di una nuova farmacia nella zona ove è sita quella del ricorrente.
   
In particolare, si evidenzia che il Consiglio di Stato, nel respingere l’appello proposto dal Comune di Trento, ha ritenuto condivisibili le conclusioni del primo giudice circa l’insufficienza del "richiamo ad una prevedibile futura "espansione edilizia dell’area in questione, basato su una pianificazione urbanistica non ancora pervenuta neanche alla fase dell’adozione".
   
Sempre a conferma di quanto osservato dal primo giudice, è stato ritenuto inidoneo a modificare le conclusioni raggiunte in termini di evidente scarsa redditività economica del nuovo esercizio, il richiamo al dato della "popolazione fluttuante, ossia dei prevedibili utenti occasionali e di passaggio che potrebbero accedere al nuovo esercizio".

La sentenza

 

Fonte: QS

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News