Lo studio, -33% errori se medici non sono stacanovisti

Redazione DottNet | 04/02/2009 12:36

Medici stacanovisti pericolosi per i pazienti. Secondo uno studio dell'ospedale universitario di Coventry e della Fondazione Warwickshire del servizio sanitario britannico, infatti, se i camici bianchi si mantengono entro le ore stabilite dalla direttiva europea sugli orari di lavoro, "gli errori medici diminuiscono del 33% rispetto al dato atteso, registrato dopo turni che eccedono le 48 ore a settimana". Con una sola avvertenza: "questi dati - rilevano i ricercatori su QJM, rivista dell'università di Oxford - non si applicano ai chirurghi".

Lo studio ha seguito alcuni medici specializzandi per 12 settimane, annotando le ore di lavoro e di sonno giorno per giorno. A nove fortunati è stato chiesto di lavorare fino a 48 ore massimo a settimana, gli altri 10 hanno coperto turni fino a 56 ore. A due medici specialisti, a cui non era concesso di sapere i turni dei propri sottoposti, è stato invece chiesto di supervisionare il loro lavoro, e rilevare gli eventuali errori. Incrociando i dati è emerso che con meno ore di lavoro aumentano quelle di riposo, in media da 6,75 a 7,26 al giorno. E soprattutto diminuiscono di un terzo gli errori, potenzialmente pericolosi per i pazienti. Conclusioni che però non sono piaciute tanto ai camici bianchi senior, che ipotizzano, con orari più contenuti, "una diminuzione delle possibilità di apprendimento per gli specializzandi".

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato