Anche la temperatura della stanza aiuta la gestione del diabete

Diabetologia | Redazione DottNet | 28/04/2017 12:09

Con pochi gradi in meno aumenta la sensibilità all'insulina

Contro il diabete, oltre alle terapie usuali, potrebbe essere d'aiuto anche il termostato di casa o dell'ufficio. Lo suggerisce un articolo pubblicato dalla rivista Building Research & Information, secondo cui abbassando o alzando di pochi gradi la temperatura per uscire dalla 'comfort zone' si influisce sul metabolismo. L'articolo di Wouter van Marken Lichtenbelt dell'università di Maastricht passa in rassegna diversi studi in questo campo, e presenta anche i risultati preliminari di una ricerca dello stesso autore in cui alcune persone con diabete di tipo 2 sono state tenute per qualche ora ogni giorno in stanze leggermente fredde per dieci giorni.

Al termine dell'esperimento la sensibilità all'insulina è risultata migliorata del 40%. Lo stesso gruppo di lavoro nel 2014 aveva dimostrato che l'esposizione regolare a stanze calde o fredde aiuta a combattere l'obesità. "Di solito si assume che il comfort e la salute coincidano, ma non è così - spiega l'autore -. Sulla base dei risultati è ancora presto per dire ai medici di 'prescrivere' anche una temperatura della stanza, ma stiamo lavorando per trovare alcune potenziali terapie".

 

Fonte: ansa

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News