Federfarma, da Mef reddito d'impresa e non del singolo farmacista

Farmacia | Redazione DottNet | 10/05/2017 12:01

Annarosa Racca, commenta gli studi di settore che indicano i farmacisti come la categoria che ha realizzato i maggiori guadagni dopo i notai, con 116.000 euro

"E' un dato che va analizzato accuratamente, ma certamente il reddito medio annuo indicato è quello relativo all'impresa e non al singolo farmacista". Così la presidente di Federfarma, Annarosa Racca, commenta gli studi di settore - che abbiamo pubblicato su Panorama di ieri - che indicano i farmacisti come la categoria che ha realizzato i maggiori guadagni dopo i notai, con 116.000 euro, per l'anno 2015. "Certamente - spiega Racca - quella indicata è la somma relativa al reddito di impresa; ciò vuol dire che tale importo va presumibilmente diviso tra i titolari della farmacia, che molto spesso sono più persone. Non si tratta del reddito personale del farmacista". Al contrario, rileva Racca, "è un dato di fatto che il reddito delle farmacie negli ultimi anni sia molto diminuito. Il fatturato è sceso e, addirittura, sono molte le farmacie che hanno fallito o stanno fallendo". La presidente di Federfarma sottolinea inoltre come "proprio i farmacisti siano contribuenti onesti, dal momento che tutti i movimenti sono tracciati". Ad ogni modo, conclude, "si tratta di dati che vanno analizzati e chiariti".

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News