Biotestamento: 15mila italiani l'hanno compilato

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 15/05/2017 11:38

I dati arrivano dall'Associazione Coscioni che ha organizzato incontri in 60 città italiane

 Oltre 15.000 italiani, finora, hanno lasciato le proprie disposizioni per il biotestamento. Si tratta 4 volte su 10 di donne, hanno in genere tra i 45 e 55 anni, vivono soprattutto in Lombardia e Lazio. A renderlo noto è l'Associazione Luca Coscioni che, per chiedere una pronta approvazione del ddl sulle dichiarazioni anticipate di volontà, ha organizza per sabato e domenica scorsi iniziative in 60 città italiane, che hanno consentito  di incontrare notai a cui consegnare le proprie disposizioni. In particolare, tra coloro che hanno compilato il proprio biotestamento, in occasione di precedenti iniziative o scaricandolo online dal sito web dell'associazione, il 37,8% sono uomini e il 62,2% donne.

E' stata finora la fascia dai 46 anni ai 55 la più sensibile al tema, segue quella 56-65 (al 21,3%). Si eseguono più testamenti biologici nell'Italia Nord Occidentale (il 34%) e Centrale (26,3%). In particolare in Lombardia (21,6%), seguita da Lazio (13,9%), Emilia Romagna (9,3%) e Toscana (8,5%). Tra le città, in testa Roma e Milano.     "Questi biotestamenti - specifica Marco Cappato, tesoriere dell'associazione Coscioni - compilati e autografati, sono un atto di cui, in caso di necessità, il medico dovrà tenere conto, in particolare se l'autenticità è certificata da un notaio o presso un registro comunale. Oggi però il medico non è obbligato a attenersi alle disposizioni del malato. Anche a questo serve la legge: a far sì che il rispetto della volontà del paziente non sia a discrezione del medico". 

 

 

fonte: ass luca coscioni

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News