A Genova la prima fabbrica al mondo per robot medicali

Aziende | Redazione DottNet | 21/05/2017 19:54

Da Iit nasce Movendo, crea 'fisioterapisti'. Da Dompè 10 milioni

Si chiama Hunova e sarà il fisioterapista perfetto, in grado di consigliare una terapia riabilitativa ad hoc senza sbagliare una virgola. Efficiente, silenzioso, fornirà tutte le informazioni utili agli specialisti per rimettere in piedi chiunque abbia un problema di riabilitazione. Hunova è uno dei robot 'funzionali' nato dalla ricerca di Iit, l'Istituto italiano di tecnologia che si conferma, ancora una volta, una delle grandi eccellenze del Paese, comunque l'unico che è riuscito - anche grazie a un finanziamento di 10 milioni di euro del gruppo Dompè - a aprire una fabbrica per produrre in serie questo particolare tipo di robot.

Hunova è stato presentato alla comunità scientifica. Undici le macchine già vedute: tra i primi utilizzatori la Casa della Salute di Genova, la clinica San Francesco e il Centro Medico Specialistico di Verona e il Gruppo Korian di Milano cui andranno 4 unità destinate ai propri centri. A oggi Hunova è stato già testato con circa 400 pazienti geriatrici, ortopedici e neurologici in alcuni nosocomi liguri e toscani. L'aspetto maggiormente innovativo di Hunova è riassumibile in due fattori fondamentali: una rilevazione e misurazione oggettiva dei parametri biomeccanici dell'uomo e una assistività robotica del dispositivo che guida il paziente stimolandolo con protocolli riabilitativi somministrati in forma di gioco.

La personalizzazione delle terapie riabilitative e preventive grazie alla capacità di misura rappresenta una ulteriore innovazione del prodotto. La partecipazione diretta dei clinici e dei loro pazienti in un percorso durato oltre 5 anni alla costruzione di Hunova rendono la tecnologia adattabile in modalità immediata di plug and play e scalabile nel tempo sulle nuove applicazioni che Movendo Technology sta già sviluppando in altri settori clinici, ma anche nell'ambito della nuova frontiera della riabilitazione e prevenzione che si frappone fra fitness e ambito clinico definito medical fitness. Movendo technology è stata inserita nella classifica internazionale nella Global map of medical device startups stilata da Cb Insights, la società Usa specializzata nell'analisi e nella diffusione di dati relativi al mondo del Venture Capital, tra le top 3 startup italiane che hanno ricevuto maggiori finanziamenti da privati e tra le top 70 startup del mondo più finanziate nel settore della produzione di device medicali con colossi giapponesi, americani, tedeschi e cinesi.

"E' motivo di grande orgoglio - ha affermato Sergio Dompé, presidente del gruppo biofarmaceutico Dompé e principale investitore in Movendo Technology - investire su una tecnologia sviluppata al 100% in Italia, in uno dei centri di ricerca che ci fanno onore nel mondo. Movendo Technology offre una tecnologia unica, in cui intravvedo molte prospettive di crescita in Italia e a livello internazionale". Il direttore scientifico di Iit, Roberto Cingolani, ha sottolinea che "a solo due anni dalla legge che ci permette di partecipare alle nostre start up, siamo riusciti a realizzare la prima fabbrica di robot made in Italy in ambito medicale, con il più grosso finanziamento privato per una start up. Si tratta delle prime ricadute industriali della nostra ricerca robotica". "Iit - ha aggiunto il presidente Gabriele Galateri di Genola - sta dimostrando come si trasforma la ricerca in un prodotto valorizzando l'investimento pubblico, aprendo nuove strade all'innovazione nel nostro tessuto produttivo".

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News