Fecondazione: l'esperto, infertile 15-20% coppie nei paesi industrializzati

Ginecologia | Redazione DottNet | 09/02/2009 17:38

Nei Paesi industrializzati sono molte le coppie che hanno problemi di infertilità: circa il 15-20% non riesce ad avere figli. E in molte parti d'Europa si continua ad evidenziare un continuo calo della fertilità. Dati diffusi da Massimo Moscarini, direttore del Dipartimento di scienze ginecologiche, pediatriche e neonatologiche all'ospedale Sant'Andrea di Roma, in occasione dell'inaugurazione del nuovo Centro di fisiopatologia della riproduzione umana del nosocomio capitolino.

Tra i motivi di questo andamento, ha spiegato l'esperto, "c'è certamente la decisione di molte coppie di ritardare la prima gravidanza. In Italia, ad esempio, l'età media del primo figlio è attorno ai 32 anni della mamma". Il ritardo nella gravidanza, inoltre, coincide spesso anche con cattive abitudini quali "il fumo di sigaretta, l'alcol e il caffè. Abitudini che riducono sensibilmente la capacità riproduttiva della donna, determinando un più precoce esaurimento della riserva ovocitaria". Tra i fattori di rischio ci sono anche alcune sostanze come gli ormoni steroidei, i metalli e gli oligoelementi. E infine anche alcuni inquinanti ambientali come insetticidi, additivi e sostanze chimiche industriali. Una giungla di rischi, quindi, alla quale si aggiungono anche le patologie prettamente femminili e in continuo aumento, come l'endometriosi. "Circa 3 milioni di donne ne sono colpite in Italia – ha concluso Moscarini - e questa malattia, se non viene scoperta e trattata in tempo, può determinare sicuramente alterazioni della fecondità".

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato