L'FDA approva la sperimentazione clinica di un nuovo farmaco antitumorale frutto della ricerca italiana

Farmaci | Redazione DottNet | 10/02/2009 15:11

L’FDA ha completato positivamente l’esame della domanda NMS per testare, per la prima volta nell’uomo, un nuovo farmaco antitumorale. Si tratta di un farmaco che blocca una proteina denominata Cdc7. Tale proteina è responsabile della proliferazione incontrollata delle cellule tumorali. I dati preclinici, pubblicati recentemente sulla prestigiosa rivista Nature Chemical Biology, dimostrano che l’inibizione della proteina oncogena Cdc7 induce la morte delle cellule tumorali e blocca la crescita di diversi tipi di cancro negli animali da esperimento.

L’approvazione da parte dell’FDA apre la strada alla sperimentazione di questo nuovo farmaco in studi di fase I in pazienti oncologici. “La notizia che l’FDA ha approvato la sperimentazione clinica del nostro inibitore di Cdc7 – spiega il Dr. Francesco Colotta, Direttore Ricerca e Sviluppo di NMS – è anzitutto un riconoscimento della qualità e della capacità di innovazione della ricerca italiana in campo oncologico. La scoperta di questo nuovo farmaco è stato frutto esclusivamente del lavoro dei nostri ricercatori del Centro Ricerche di Nerviano e grazie alla loro competenza e passione saremo i primi al mondo a esplorare questo nuovo meccanismo antitumorale”.

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato