Obbligo vaccini, è legge. La profilassi anno per anno

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 07/06/2017 21:18

Le norme per Asl e medici. I vaccini disponibili e l'esavalente

Entrerà in vigore da oggi la legge (clicca qui per scaricare il decreto completo) che introduce l'obbligatorietà di 12 vaccinazioni (clicca qui per scaricare la relazione illustrativa) per l'iscrizione a scuola, con una novità: sarà anche possibile effettuare l'autocertificazione dell'avvenuta immunizzazione, presentando la documentazione successivamente. E alle famiglie preoccupate per i tempi stringenti, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, assicura che non sarà necessaria alcuna 'corsa' perchè è prevista una fase transitoria per consentire a tutti di ottemperare al nuovo obbligo

Le dodici vaccinazioni che dal prossimo anno scolastico diventeranno obbligatorie per l'iscrizione a scuola devono essere tutte obbligatoriamente somministrate ai nati dal 2017. Ai nati dal 2001 al 2016 devono essere somministrate le vaccinazioni contenute nel Calendario Vaccinale Nazionale relativo a ciascun anno di nascita. Ecco le vaccinazioni da fare per anno di età (clicca qui per scaricare la relazione tecnica del Ministero):

NATI DAL 2001 AL 2004: devono effettuare (ove non abbiano già provveduto) le quattro vaccinazioni già imposte per legge (anti-epatite B; anti-tetano; anti-poliomielite; anti-difterite) e l'anti-morbillo, l'anti-parotite, l'anti-rosolia, l'anti-pertosse e l'anti-Haemophilus influenzae tipo b, raccomandate dal Piano Nazionale Vaccini 1999-2000. -

NATI DAL 2005 AL 2011: devono effettuare, oltre alle quattro vaccinazioni già imposte per legge, anche l'anti-morbillo, l'anti-parotite, l'anti-rosolia, l'antipertosse e l'anti-Haemophilus influenzae tipo b, previsti dal Calendario vaccinale incluso nel Piano Nazionale Vaccini 2005-7. -

NATI DAL 2012 AL 2016: devono effettuare, oltre alle quattro vaccinazioni già imposte per legge, anche l'anti-morbillo, l'anti-parotite, l'anti-rosolia, l'anti-pertosse, l'anti-Haemophilus influenzae tipo b e l'anti-meningococcica C, previste dal Calendario vaccinale incluso nel Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2012-2014. -

NATI DAL 2017: devono effettuare, oltre alle quattro vaccinazioni già imposte per legge, anche l'anti-morbillo, l'anti-parotite, l'anti-rosolia, l'anti-pertosse, l'anti-Haemophilus influenzae tipo b, l'anti-meningococcica C, l'antimeningococcica B e l'anti-varicella, previste nel nuovo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019. I genitori potranno recarsi alla ASL per ricevere informazioni sulle modalità e i tempi di vaccinazione dei propri figli. -

TUTTE LE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE SONO GRATUITE: per i nati nei periodi indicati sono gratuite tutte le vaccinazioni che si e' obbligati ad effettuare, in relazione al Calendario vaccinale di riferimento. Le vaccinazioni sono gratuite anche quando è necessario 'recuperare' somministrazioni che non sono state effettuate in tempo (ad esempio: il nato nel 2015 che non abbia effettuato l'anti-morbillo tra il 13/mo e il 15/mo mese di vita potrà vaccinarsi gratis in qualsiasi momento).

Tre i punti chiave del decreto, firmato ieri dal capo dello Stato: le 12 vaccinazioni previste divengono requisito obbligatorio per l'ammissione all'asilo nido e alle scuole dell'infanzia (per i bambini da 0 a 6 anni); i vaccini obbligatori e tutti gratuiti passano dunque da 4 a 12 e la violazione dell'obbligo vaccinale comporta sanzioni pecuniarie da 500 a 7.500 euro. All'atto dell'iscrizione, il genitore può quindi anche autocertificare l'avvenuta vaccinazione ed ha tempo per presentare copia del libretto vaccinale sino al 10 luglio di ogni anno (avrà tempo fino al 10 marzo per l'anno scolastico 2017-8 secondo le disposizioni transitorie per la fase di prima applicazione del decreto). inoltre, anche la semplice presentazione della richiesta di vaccinazione alla asl o la prenotazione dell'appuntamento, consente l'iscrizione a scuola.

Se i genitori, dopo i richiami della asl, decidono comunque di non vaccinare i figli, sarà il magistrato a valutare l'apertura di un eventuale procedimento. Per informare al meglio, il ministero prevede campagne di comunicazione, spot ed un numero verde. E per le Regioni, le prime indicazioni operative arriveranno attraverso una circolare esplicativa. "Le vaccinazioni - ha affermato Lorenzin - riguardano la messa in sicurezza di uno Stato e della popolazione: la rigidità non piace, ma serve a garantire in questo caso la sicurezza di tutti. La soglia minima secondo l'Oms per garantire l'immunità di gregge è del 95%, sotto di questa ci sono pericoli. Purtroppo le nostre coperture sono oggi sotto le soglie raccomandate dall'Oms".

Ed infatti, proprio per le basse coperture, il ministero indica una situazione di allerta soprattutto per polio, morbillo e meningite. Soddisfatto per i tempi del decreto il coordinatore degli assessori regionali alla Sanità Antonio Saitta, secondo cui "il tempo effettivo di un anno per adempiere all'obbligo, consente di poter mettere in regola tutti". Critico invece il Movimento 5 stelle, che parla di "approccio coercitivo" definendo il decreto "irricevibile". Per il segretario della Lega, Matteo Salvini, "Mattarella ignora le proteste dei genitori". La possibilità di accedere all'iscrizione a scuola attraverso la presentazione di un' autocertificazione dell'avvenuta vaccinazione o della richiesta ai Centri vaccinali per effettuarla, è invece "la soluzione migliore" per l'assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera.

Le 12 vaccinazioni rese obbligatorie per l'iscrizione ai nidi e alle scuole materne proteggono da altrettante malattie infettive, ma per i bambini si traducono in sole 4 punture e vanno effettuate secondo una precisa tempistica. Queste le vaccinazioni necessarie e il calendario vaccinale. Le prime 6 vaccinazioni rese obbligatorie sono anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse e anti Haemophilus influenzae tipo B.

Queste sono tutte raggruppate in un unico vaccino esavalente che viene fatto dal 60/mo giorno di vita in 3 dosi: a 3, 5 e 11-12 mesi di vita. Diventa obbligatoria anche la vaccinazione anti-meningococcica B, che viene fatta a distanza di 15 giorni dall'esavalente in 4 dosi: a 3, 4, 6 e 12-15 mesi. Obbligatori, poi, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella. Queste vaccinazioni sono somministrate con un unico vaccino quadrivalente in un'unica dose al 13/mo mese di vita, con un richiamo previsto a 5 anni di eta'. Infine, l'anti meningococcica C, che viene somministrata al 14/mo mese, con un richiamo tra gli 11 e i 18 anni.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News