Alzheimer, test clinici con ultrasuoni sparati sulla testa

Neurologia | Redazione DottNet | 09/06/2017 13:23

Terapia non invasiva già in sperimentazione su Parkinson

Partito in Canada un primo trial clinico su pazienti con Alzheimer per testare una tecnica non invasiva e non farmacologica (basata sugli ultrasuoni) contro la demenza.    Il metodo, che negli scorsi anni ha dato buoni risultati (riduzione di deficit cognitivo) su animali, sarà testato su pazienti di 50-86 anni con malattia in fase lieve/precoce presso il Sunnybrook Health Sciences Centre di Toronto.    Coordinato da Nir Lipsman, il trial testerà in questa fase la sicurezza e la fattibilità della cura, che è già in sperimentazione per altre malattie quali il Parkinson.    Gli 'ultrasuoni focalizzati', così si chiama la terapia, non sono altro che onde ''sparate'' da un macchinario (simili alle onde dell'ecografia) in un punto preciso del cervello (il fuoco), dall'esterno in modo del tutto non invasivo e non doloroso.  

Queste onde, 'lampo' dopo lampo', aprono la cosiddetta 'barriera ematoencefalica' (un filtro che impedisce l'ingresso nel cervello di farmaci, particelle, cellule etc) e permettono l'ingresso nel cervello di cellule di difesa del paziente che dovrebbero andare a ripulirne il cervello delle molecole tossiche ivi presenti e presumibilmente legate alla malattia (placche di beta-amiloide).    Nei test su animali gli ultrasuoni focalizzati hanno dato buoni risultati, dimostrando la capacità di eliminare le placche e migliorare la funzione cognitiva degli animali.    Se la tecnica si dimostrasse valida anche sull'uomo, sarebbe la prima terapia non farmacologica e non invasiva a dare speranze contro la forma più diffusa di demenza, l'Alzheimer appunto.

 

 

fonte: ansa

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News