Siria, torna la polio: tre casi confermati

Infettivologia | Redazione DottNet | 09/06/2017 13:28

I casi in una zona controllata dall'Isis. La colpa è la bassa copertura del vaccino

In Siria ci sono stati tre casi di polio confermati, i primi da tre anni a questa parte, registrati nella zona di Deir Ez zor, nell'est del paese, controllata dall'Isis. La conferma è arrivata dalla Polio Global Eradication Initiative, secondo cui nella zona è difficile raggiungere alte coperture vaccinali a causa del conflitto in corso.    I casi, due in adulti con un principio di paralisi flaccida acuta e uno in un bambino sano nella stessa comunità, sono di un ceppo di polio che è una mutazione di quelli usati nei vaccini, che può colpire persone non immunizzate, mentre chi è vaccinato ne è immune.

Il rischio, già basso, è eliminato del tutto dallo 'switch' dal vaccino trivalente a quello bivalente in atto in tutto il mondo, che però in Siria non è completo per i problemi dovuti al conflitto. "E' una forma estremamente rara di poliovirus - spiegano gli esperti della Pgei, alleanza pubblico-privata sostenuta dall'Oms - che può emergere in popolazioni con scarse coperture. Sono in preparazione piani di risposta al focolaio, in linea con i protocolli internazionali, comprese campagne vaccinali mirate".    Tre anni fa sempre nella regione si erano registrati 36 casi, del ceppo però 'wild type', che si sta cercando di eradicare e di cui si sono avuti solo 5 casi confermati nel 2017. 

 

 

fonte: ansa

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News