Pagamento riscatti e contributi Enpam: arriva il fai-da-te

Redazione DottNet | 12/02/2009 15:56

aziende enpam

Gli iscritti all’Enpam più smemorati o impazienti, grazie al nuovo portale della Fondazione, possono godere di nuove, interessanti opportunità.
Quanti debbono pagare il contributo al Fondo della libera professione (con scadenza 31 ottobre 2008) ed hanno dimenticato di farlo (magari anche perché hanno smarrito il loro bollettino di pagamento oppure non l’hanno mai ricevuto) possono rimediare servendosi del nuovo servizio di stampa on line dei duplicati Mav.
 

Per godere di questa opportunità gli interessati debbono essere registrati all’area riservata del portale Enpam (www.enpam.it), nell’apposito spazio a destra della schermata iniziale. Quindi potranno accedere alla sezione operazioni MAV inserita nella medesima area.

Qui è possibile stampare copia del relativo bollettino che potrà essere pagato esclusivamente presso gli istituti bancari (e non presso gli uffici postali, che richiedono obbligatoriamente l’originale) oppure utilizzando le procedure on-line.

Stessa modalità per il pagamento delle rate di un riscatto in corso: in questo caso, il servizio viene incontro anche agli utenti più impazienti, che possono pagare anche prima di avere materialmente in mano il loro bollettino spedito per posta. Relativamente ai riscatti, infatti, i MAV in scadenza il 31/12/2008 sono stati resi disponibili già a decorrere dal 10 dicembre.

Un altro servizio molto apprezzato dagli interessati è quello relativo alla generazione dei Mav on line, previsto esclusivamente per il pagamento di contributi di riscatto.

Se vogliono servirsi di questo strumento, gli iscritti possono generare un MAV per il versamento in ACCONTO (nel caso di presentazione di domanda di riscatto già avvenuta, ma prima di aver ricevuto il prospetto di calcolo definitivo da parte degli Uffici) o di UNA TANTUM (nel caso – per un riscatto già in corso - di versamento aggiuntivo al normale pagamento MAV con scadenza 31/12/2008). Anche in questo caso il bollettino MAV potrà essere pagato presso gli istituti bancari oppure utilizzando le procedure on line.

Entrambi questi servizi resteranno attivi fino alla fine dell’anno, in tempo per assicurarsi la deducibilità integrale degli importi pagati dall’imponibile fiscale nella prossima denuncia dei redditi.