Commercialisti: sulla carta la tregua fiscale di agosto

Professione | Redazione DottNet | 12/07/2017 17:41

Sindacati di categoria: in arrivo nuove richieste dall'Agenzia delle Entrate

La cosiddetta 'tregua' fiscale (la sospensione, cioè, dal primo agosto al 4 settembre di tutti i termini e le scadenze riguardanti documenti e pagamenti) c'è il rischio rimanga "solamente sulla carta, e si aggiunga così alle tante riforme annunciate come ispirate ad una semplificazione ed ammodernamento del sistema Fisco e la cui attuazione, invece, troppo spesso delude e rivela fino in fondo la loro inadeguatezza". E' il timore espresso dai sindacati dei commercialisti Adc, Aidc, Anc, Andoc, Unagraco, Ungdcec e Unico in una nota unitaria.

Si evidenzia, infatti, che "dal 24 luglio l'Agenzia delle Entrate ha reso noto che provvederà a comunicare agli intermediari le irregolarità riscontrate nell'attività di trasmissione delle dichiarazioni fiscali relative all'anno 2013, attraverso il canale Entratel". Pertanto, spiegano i professionisti, "considerato che, di norma, il termine entro il quale occorre fornire chiarimenti di tale natura all'Agenzia, per evitare contestazioni e le conseguenti sanzioni, è di 30 giorni, è facile prevedere che i professionisti intermediari, che dovranno utilizzare per rispondere alle segnalazioni di irregolarità l'applicativo 'In.Te.S.A.', si troveranno alle prese con le richieste del Fisco, nel pieno di quella che dovrebbe essere", appunto, "la 'tregua' fiscale del mese di agosto".

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News