Martini, al via tavolo interministeriale per qualità e tutela salute

Redazione DottNet | 17/02/2009 16:54

Al via un tavolo interministeriale per la salute e la qualità degli alimenti, con il coinvolgimento dei dicasteri del Welfare, dell'Agricoltura e anche quello degli Esteri, fondamentale per i rapporti con i Paesi da cui si importano alimenti.

E, inoltre, un tavolo confronto con i produttori per tutelare sempre di più e meglio la salute dei cittadini e i produttori stessi, i primi a essere danneggiati dalle frodi alimentari. Ad annunciarlo, a Roma, il sottosegretario alla Salute Francesca Martini, nel corso di una conferenza stampa sulla maxioperazione dei Nas che ha portato, in 4 giorni, al sequestro di oltre 1.000 tonnellate di alimenti avariati. Il gruppo di lavoro interministeriale, ha spiegato il sottosegretario, è stato istituito ''per l'analisi e la revisione del piano pluriennale sugli alimenti, previsto dalle norme comunitarie, che nel 2009 renderà più efficace i controlli, ottimizzando le risorse economiche, l'organizzazione, la gestione dei controlli stessi e le loro priorità in funzione dei rischi. Tutto questo per aumentare le garanzie per i cittadini, che in Italia possono contare comunque su alimenti sicuri''. Per quanto riguarda invece il tavolo di cooperazione con gli operatori del settore alimentare, Martini sottolinea che sarà particolarmente utile ''potenziare i sistemi di autocontrollo e ridurre le irregolarità.'' Il sottosegretario ha anche ricordato che la Commissione europea ''ha promosso a pieni voti la sicurezza dell'agroalimentare italiano, designando l'Italia come il Paese più scrupoloso nel fare i controlli.