Sindacati medici, la formazione è un percorso ad ostacoli

Sindacato | Redazione DottNet | 28/09/2017 13:56

Sit in di protesta il 28 settembre scorso a Roma

La formazione medica è percorso a ostacoli. E' quanto affermano in sintesi Anaao Assomed e Fimmg che il 28 settembre a Roma sono scesi  in pazza a Roma per un sit in di protesta. "Mai come quest'anno - so legge in una nota - le solite disfunzioni si sono intrecciate in una tempesta perfetta: un bando di concorso che ha sforato tutti i tempi previsti consentendo ad un laureato nel luglio 2016 di iniziare il proprio percorso formativo, se va bene, nel 2018, un regolamento beffa punitivo di ogni merito, un ampliamento dell'imbuto che oggi vede 15000 medici contendersi 7000-7500 posti, a fronte dell' inizio della desertificazione di ospedali e territori grazie alla gobba demografica, al blocco del turnover ed alla carenza di specialisti, che manda deserti i rari concorsi, e di MMG che vanifica il diritto al riposo. Inoltre chi nel 2014 ha avuto accesso al corso di Medicina Generale tramite scorrimento delle graduatorie, oggi non potrà finire il corso nelle tempistiche utili per accedere alle graduatorie regionali insieme ai colleghi di corso, analogamente a quanto si verificherà quest'anno".

E aggiungono: "Il problema è politico.    Il sistema formativo non è proprietà privata della Università perché pretendere che i futuri medici del SSN siano all'altezza del ruolo professionale che li aspetta è compito di chi, Regioni e Governo, è responsabile della qualità delle cure e della organizzazione del sistema sanitario, in cui numero e qualità professionale dei nuovi medici non sono elemento marginale".

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News