Lilt, aumentano del 41% i casi di tumore al seno tra donne Under 50

Oncologia | Redazione DottNet | 30/09/2017 16:32

Presidente Schittulli, occorre estendere alle più giovani lo screening previsto dall'Ssn

Il tumore alla mammella rappresenta il 28% delle neoplasie femminili ma inquieta soprattutto l'aumento dei casi del 41% registrato negli ultimi cinque anni tra le donne al di sotto dei 50 anni. A fare il quadro su quello che è per le donne il 'big killer numero uno' è il presidente nazionale Lilt, Francesco Schittulli, nel presentare la XXV edizione di "Lilt for women - Campagna Nastro Rosa", patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero della Salute. La campagna, che mira a diffondere la cultura della prevenzione per sconfiggere il tumore al seno, ha come testimonial Ilary Blasi e propone l'hashtag "Mettiloko".

Lo sviluppo del cancro al seno in età sempre più giovanile - sottolinea Schittulli - è tra "le maggiori problematiche da affrontare e risolvere", assieme alla necessità di una estensione uniforme dello screening senologico e prendersi cura delle oltre 700mila donne che hanno vissuto l'esperienza cancro modulando a livello personale il relativo follow up. Nell'ultimo quinquennio l'aumento dell'incidenza del tumore al seno, rileva Schittulli, è stata pari ad oltre il 15%. In particolare si è registrato un incremento tra le giovani donne in età compresa tra i 35 e i 50 anni di circa il 30%. Si tratta di una fascia di età 'esclusa' dal programma di screening previsto per ora dal Servizio sanitario nazionale, riservato alle donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni. La Lilt quindi "chiede con forza di poter lavorare per estendere anche alle donne più giovani il programma di screening previsto dal Servizio Sanitario nazionale. Così si innalzerebbe la guaribilità, già oggi attestatasi a un buon 80-85%".

La campagna Lilt al via prevede un supporto concreto: durante l'intero mese di ottobre gli oltre 350 ambulatori delle 106 sezioni provinciali Lilt saranno a disposizione per informazioni, visite senologiche e, ove occorra, controlli diagnostici clinico-strumentali. Il consiglio Lilt alle donne è di partire dai 16-18 anni praticando l'autopalpazione, a 25-30 anni effettuare annualmente una visita senologica con esame ecografico e a 40 anni effettuare adeguati controlli clinico-strumentali (visita senologica, eco-mammografia). Schittulli ha anche annunciato il rilancio della "Consulta nazionale Filt", al cui interno si segnalano la senatrice ed ex ministro della Sanità Mariapia Garavaglia e il medico e giornalista Rai Livia Azzariti.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News