Bilancio positivo per accesso pubblico ai dossier dei farmaci Ema

Aziende | Redazione DottNet | 24/10/2017 11:49

Più di 3600 utenti hanno consultato dati su 50 medicinali

 Più di tremila documenti clinici pubblicati relativi a 50 farmaci, tra cui anche generici, biosimilari, pediatrici e orfani, e 3600 utenti registrati che hanno scaricato più di 80mila documenti: è questo il bilancio del primo anno trascorso da quando l'Agenzia europea del farmaco (Ema), primo ente regolatorio a farlo, ha consentito di accedere pubblicamente ai dati e dossier presentati dalle aziende farmaceutiche per chiedere l'autorizzazione all'immissione in commercio. 

  In questo modo cittadini, ricercatori e accedemici hanno potuto accedere direttamente ai rapporti clinici presentati per dimostrare sicurezza ed efficacia sui medicinali, e rianalizzare in modo indipendente i dati. Una possibilità che è stata apprezzata dagli utenti, come ha rilevato una recente indagine dell'Ema. I tre quarti di chi ha risposto infatti ha detto che in questo modo aumenta la fiducia e sicurezza sui processi decisionali e scientifici, mentre i due terzi che così si aiutano i ricercatori a rivalutare i dati clinici. La maggior parte dei dati resi pubblici ha riguardato l'approvazione di nuovi farmaci, ma in alcuni casi si riferivano a medicinali già autorizzati, per cui era stata chiesta un'estensione dell'uso clinico. 

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News