Gullotta confermato alla guida della Fnpi (parafarmacie)

Farmacia | Redazione DottNet | 31/10/2017 14:52

Ma tra sei mesi lascerà: "Ho vinto una farmacia col concorso straordinario"

Davide Giuseppe Gullotta, lo scorso 22 ottobre, è stato confermato alla guida della Federazione nazionale parafarmacie italiane (Fnpi). L'elezione è avvenuta nel corso dell'Assemblea nazionale della Federazione svoltasi a Roma. Al termine degli scrutini, dove i votanti sono stati 53, i candidati che formeranno il nuovo Consiglio Direttivo er il triennio 2017-2020 hanno visto l'assegnazione delle seguenti cariche:

- Davide Giuseppe Gullotta - Presidente (47 preferenze)
- Angelo Occhipinti - Vicepresidente (32 preferenze)
- Stefano Migliori - Vicepresidente (22 preferenze)
- Sebastiano Limma - Segretario (19 preferenze)
- Francesco Provenzano - Tesoriere (18 preferenze)
- Matteo Branca - Consigliere (11 preferenze)
 
La riconferma di Gullotta, però, è a termine. Lo stesso presidente ha infatti subito annunciato che entro sei mesi passerà la mano: “Ho vinto una farmacia partecipando, in associazione, al concorso straordinario - spiega Gullotta - e per quanto ne abbia subito informato tutti i colleghi, c’è stato chi ha preso le mosse da questa normalissima vicenda per attaccare me e la Federazione. Proprio per evitare di esporre la Fnpi ad altri attacchi strumentali, lascerò presto la presidenza ad altri: i colleghi anche più bravi di me non mancano davvero”.

Attualmente le parafarmacie operanti in Italia sono oltre 4000, come mai dunque un così basso numero di partecipanti al voto? Lo abbiamo chiesto al presidente Gullotta che ci ha spiegato: "La Federazione conta su circa 500 associati. Il numero di associati, così come lo stesso numero di partecipanti al voto ha risentito fortemente della scissione con i neonati Comitati anticrisi che appoggiano, con il Governo, l'idea di un superamento dell'esperienza delle parafarmacie con un graduale ed irrealizzabile assorbimento all'interno delle farmacie tramite il concorso straordinario". 
  
"Noi - sottolinea Gullotta - continuiamo a non accettare quest'idea da parte della maggioranza di Governo che vede le parafarmacie come un 'errore' da cancellare. Se ci sono state delle cose che non hanno funzionato le si corregga, ma non si può pensare di eliminare tutto in questo modo. Noi siamo stati in questi anni l'unico tampone all'emergenza disoccupazione che ha investito il settore: abbiamo dato lavoro a circa 10mila persone, per lo più giovani. Il Parlamento e la Fofi non possono ignorare questa realtà".

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News