Genzyme, ok Chmp EMEA a produzione Myozyme con bioreattore

Redazione DottNet | 24/02/2009 18:42

biotecnologia emea

Il comitato tecnico Chmp dell'agenzia europea del farmaco Emea ha espresso parere positivo alla produzione su larga scala del Myozyme* dell'americana Genzyme, terapia
contro la malattia rara di Pompe che può colpire fin dai primi mesi di vita con effetti potenzialmente mortali. Se l'Emea seguirà le raccomandazioni del Chmp, lo stabilimento Genzyme di Geel, in Belgio, potrà produrre il medicinale utilizzando un bioreattore da 4 mila litri.
 

Il parere positivo del Chmp - ricorda il gruppo biotecnologico in una nota - è l'ultima fase che precede l'approvazione formale alla produzione e alla commercializzazione nell'Unione europea, in Norvegia e in Islanda del Myozyme* ottenuto appunto con il 'super bioreattore'.
Il comitato ha risposto tempestivamente alla richiesta inoltrata da Genzyme, sottolinea la società, in seguito a una recente restrizione della fornitura del prodotto. Il processo produttivo su scala da 4 mila litri fornirà nell'immediato futuro adeguate quantità di Myozyme* in Europa, promette l'azienda.