Chmp EMEA, 10 prodotti promossi e uno bocciato

Redazione DottNet | 24/02/2009 18:44

emea

Dieci farmaci promossi, tra cui un generico, e uno bocciato. E' il bilancio dell'ultimo meeting del comitato tecnico Chmp dell'ente regolatorio europeo Emea, che periodicamente raccomanda all'agenzia di dare o meno il via libera a nuovi medicinali. Nel summit che si è concluso ieri, il Chmp suggerisce inoltre all'Emea di sospendere l'autorizzazione all'immissione in commercio dell'anti-psoriasi Raptiva* (efalizumab) di Merck Serono, per rischi superiori ai benefici.

Consiglia poi di rivedere le controindicazioni per l'anti-Hiv Telzir* (fosamprenavir) di Gsk e degli antipertensivi a base di aliskiren come il Rasilez* di Novartis. Per il Chmp, Telzir* non dovrebbe più essere controindicato ai malati con insufficienza epatica grave, mentre i farmaci con aliskiren andrebbero controindicati a quelli colpiti da angioedema. Per questi antipertensivi il comitato tecnico suggerisce anche un'avvertenza: i pazienti che mostrano dei segni di angioedema dovrebbero interrompere il trattamento.
I 10 farmaci a guadagnarsi il parere positivo del Chmp - si legge in una nota dell'Emea - sono Conbriza* (bazedoxifene, Wyeth), indicato per la terapia dell'osteoporosi postmenopausale nelle donne con aumentato rischio di frattura; Exalief* e Zebinix* (eslicarbazepina acetato, Bial-Portela), per il trattamento aggiuntivo negli adulti con crisi epilettiche parziali con o senza generalizzazione secondaria; Pantozol Control*, Controloc Control*, Somac Control*, Pantecta Control* e Pantoloc Control* (pantoprazolo, Nycomed), per il trattamento a breve termine dei sintomi da reflusso gastroesofageo; Removab* (catumaxomab, Fresenius Biotech), per la terapia intraperitoneale delle asciti maligne nei malati con carcinomi Ep-Cam positivi quando il trattamento standard non sia disponibile o non più utilizzabile, e il generico Rivastigmina Teva (Teva Pharma), per la terapia sintomatica dell'Alzhiemer da lieve a moderatamente grave e della demenza da lieve a moderatamente grave dei malati con Parkinson idiopatico. Parere negativo, invece, per il Biferonex* (interferone beta-1a, BioPartners) per il trattamento degli adulti con sclerosi multipla recidivante-remittente caratterizzata da due o più peggioramenti clinici durante i due anni precedenti.