Una dieta ricca di calcio riduce i rischi di cancro

Redazione DottNet | 25/02/2009 18:20

dieta nutrizione oncologia tumori calcificazione

Una dieta ricca in cibi che contengono calcio, come il latte, ha mostrato di proteggere sia uomini che donne dall'insorgere di differenti tipi di tumore.

 Ma i benefici sono stati associati al consumo di alimenti ricchi della sostanza e non all'uso di pillole a base di calcio. Un nuovo vasto studio americano condotto da ricercatori dell' Istituto nazionale per la salute Usa ha analizzato la salute di circa 500.000 persone tra i 50 ed i 70 anni di età seguendo le loro abitudini alimentari per 7 anni. Nel corso dell'indagine si sono verificati poco più di 50mila casi di tumori di 10 diversi tipi, da quello dei polmoni a quello del seno, della prostata, del colon ed altri. L'effetto protettivo più alto legato al consumo di calcio quotidiano è stato individuato nei confronti del cancro dell'esofago tra i maschi: gli uomini con la più alta assunzione di calcio (circa 1800 mg quotidianamente) hanno evidenziato rischi di venire colpiti da questo tumore inferiori del 30% rispetto a chi prendeva meno calcio. Per le donne la protezione più alta è risultato per il cancro colonrettale che ha registrato una presenza inferiore del 30% tra chi consumava più calcio. E' stata inoltre evidenziata una protezione dai tumori della faringe e della testa (meno 20%), del fegato, del seno, della prostata. Lo studio è pubblicato su ''Archives'' di medicina interna Usa.