Chersevani (Ordini medici), chiederò gli elenchi sui reati di mafia

Professione | Redazione DottNet | 24/11/2017 11:43

Il Presidente Fnomceo è in audizione alla Commissione Antimafia

"Chiederò, al prossimo Consiglio nazionale di dicembre, a tutti i presidenti d'Ordine di fornire alla Fnomceo l'elenco dei procedimenti avviati per comportamenti direttamente o indirettamente ascrivibili a reati di mafia". Lo ha annunciato la presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), Roberta Chersevani, in audizione alla Commissione bicamerale Antimafia.    Chersevani ha anche segnalato una criticità: la carenza di comunicazione tra le Procure, da un lato, e gli Ordini provinciali e la Fnomceo dall'altro, circa la sussistenza e l'esito dei procedimenti penali a carico degli iscritti agli Albi.

"Più volte abbiamo segnalato la questione alle Autorità competenti - ha spiegato Chersevani - ma senza ottenere un flusso informativo più fluido e continuo. Questo pone gli Ordini in una grave difficoltà, sia perché il procedimento disciplinare deve iniziare d'ufficio a seguito di un procedimento penale, sia perché gli Ordini hanno l'obbligo di inviare entro tre giorni un'allerta a livello europeo, tramite il sistema IMI, sui provvedimenti che limitano o vietano l'esercizio della professioni in Italia, compresi quelli che derivano da una pronuncia giudiziaria. Ma se queste comunicazioni da parte delle Autorità Giudiziarie, anche se richieste dagli Ordini, non pervengono, diventa estremamente difficile - ha concluso - lo svolgimento delle procedure disciplinari, ingenerando, tra l'altro, nell'opinione pubblica l'erronea percezione che gli Ordini non vogliano agire"

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News