Saitta (Regioni): siamo con i medici, subito risorse per contratti Ssn

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 05/12/2017 22:17

Anaao: non c’è traccia di un investimento sul servizio sanitario pubblico che salvaguardi sia il diritto alla salute dei cittadini. Novità nelle assunzioni nella P.A.: il contratto a termine darà 'punteggio' nei concorsi

"Siamo dalla parte dei medici, degli operatori del servizio sanitario e delle organizzazioni sindacali che li rappresentano. Il Governo deve fare ogni sforzo per evitare il paventato sciopero del 12 dicembre". Lo ha dichiarato Antonio Saitta, coordinatore della Commissione salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, a margine della riunione odierna. "Per questo - ha spiegato Saitta - occorre che il Governo metta, nella legge di bilancio in discussione in Parlamento, le risorse necessarie per procedere ai rinnovi dei contratti dei dipendenti pubblici e convenzionati del Servizio Sanitario Nazionale. Così come abbiamo richiesto, attraverso la proposizione di un emendamento irrinunciabile al Governo il 9 novembre e subito dopo alla Commissione Bilancio del Senato. Si tratta, secondo le stime, di circa 1300 milioni che certamente non possono essere sottratte al fondo sanitario nazionale a meno di non voler mettere a rischio - ha concluso il coordinatore della commissione Salute della Conferenza delle Regioni - la sostenibilità dei servizi previsti dai nuovi livelli essenziali di assistenza".

L'Anaao

A distanza di due anni dall’ultimo Sciopero nazionale, Medici e Dirigenti sanitari tornano ad incrociare le braccia il 12 dicembre prossimo.
 
“Nella marea di bonus e micro-provvedimenti della legge di bilancio 2018 – denuncia l’Anaao Assomed in una nota - non c’è traccia di un investimento sul servizio sanitario pubblico che salvaguardi sia il diritto alla salute dei cittadini sia il lavoro dei Medici e dei dirigenti sanitari, che ne è valore fondante e garanzia di esigibilità. Se le ragioni della sanità fossero difese con la stessa pervicacia con la quale si infila un comma a favore della copertura dei costi del carnevale fino al 2020 o del CNEL, che solo un anno fa era additato come il prototipo degli enti inutili, non staremmo ancora a protestare”.
 
“La sanità – prosegue l’Anaao - è l’unico settore del pubblico impiego lasciato fuori da ogni prospettiva di ripresa con un finanziamento avviato sul piano inclinato di un rapporto con il PIL del 6,3%. Come se la spesa sanitaria greca o quella portoghese potessero diventare il nostro punto di riferimento e avessimo rinunciato ad assomigliare alla Germania o alla Francia, che finanziano i loro sistemi sanitari con 2 punti di PIL in più all'anno”.

“Il deficit di finanziamento ci costringerà presto a definire ciò che il cittadino può o non può aspettarsi dalla sanità pubblica e causerà liste di attesa inevitabilmente più lunghe, maggiori ritardi nell'accesso alle cure, più ticket sui farmaci, crescita delle diseguaglianze territoriali, incremento del numero di coloro che rinunciano alle cure, più spesa a carico delle tasche private con maggiore divario tra chi può curarsi pagando e chi non può.
La politica – dice l’Anaao - deve decidere se la salute dei cittadini è ancora un diritto costituzionale o un lusso che non possiamo permetterci”.
 
Lo sciopero nazionale del 12 dicembre – sottolinea l’Anaao - chiede alla legge di bilancio all’esame della Camera segnali che scommettano sul capitale umano del SSN, bene pubblico da valorizzare e non da liquidare in maniera strisciante, creando le condizioni per il rinnovo del CCNL fermo da 8 anni, per l’erogazione dei LEA, per il futuro del sistema formativo, stretto tra deficit di specialisti e pletora di laureati”.
 
“Il Governo, ed i partiti della sua maggioranza, si assumono una grave responsabilità ad ignorarlo. Ma le Regioni, che hanno finora garantito i LEA a spese dei professionisti, non si illudano di potersi sottrarre agli obblighi contrattuali ponendoli in alternativa con il diritto alla salute dei cittadini”, si legge ancora nella nota.
 
Le Organizzazioni sindacali della Dirigenza medica e sanitaria non saranno spettatrici passive del declino annunciato della sanità pubblica e del ruolo e dello status delle categorie che rappresentano”, conclude l’Anaao lasciando l’hashtag “#primadivotarepensallasalute”.

Precariato nella P.A.

Nella P.a il lavoro da 'precario' potrà essere fatto valere nei concorsi. Il testo del nuovo contratto degli statali, proposto dall'Aran ai sindacati, apre infatti al suo riconoscimento, magari attraverso un punteggio ad hoc. "I periodi di assunzione con contratto di lavoro a tempo determinato presso un'amministrazione, per un periodo di almeno 12 mesi, anche non continuativi, possono essere - si legge - adeguatamente valutati nell'ambito delle selezioni pubbliche disposte dalla stessa amministrazione" per posti "di profilo e categoria identici".

L'obiettivo della misura sta nel superare il precariato nel pubblico impiego, visto che resta fermo il principio per cui il rapporto a tempo determinato "in nessun caso" può trasformarsi in indeterminato. D'altra parte la ministra della P.a, Marianna Madia, ha a più riprese spiegato come sia necessario sanare il fenomeno del precariato storico. Come noto il nuovo contratto riscrive le regole sul lavoro flessibile, limitandolo al tempo determinato, che potrà durare massimo 4 anni, e alla somministrazione. Il tavolo tra Aran e sindacati si è appena concluso e per il momento non è stato fissato un nuovo incontro. Ma le riunioni si dovrebbero succedere a ritmo abbastanza serrato. Di certo la parte cosiddetta "normativa" del contratto è in fase avanzata, la bozza presentata oggi supera le 70 pagine.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News